Tour dei Forti di Genova


  • 40.2 km

    Distance

  • -1 m

    Min height

  • 634 m

    Max height

  • 635 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Lasciato l’auto nel parcheggio del cimitero Monumentale di Staglieno, iniziamo a pedalare verso i chioschetti dei fioristi dove prendiamo a destra la piccola via Superiore del Veilino.
Costeggiamo per un tratto il cimitero e pochi metri dopo esser passati sotto il vecchio acquedotto svoltiamo a sinistra in via Salita di Sant’Antonio; iniziamo ad affrontare alcuni tornanti e in pochi minuti passiamo dinanzi ad una chiesa.
Oltrepassato la chiesa imbocchiamo sulla nostra sinistra la stretta strada via di San Pantaleo che si snoda sul pendio della collina, costeggiamo prima e attraversiamo poi la particolare ferrovia a scartamento ridotto che collega Genova con Casella.
Trascuriamo le varie piccole diramazioni che incontriamo e procediamo sino a immetterci in via Carso nei pressi di un tornante, svoltiamo a destra e continuiamo in salita sul manto asfaltato.
Raggiunto l’edificio che ospita l’arrivo della funicolare Zecca – Righi pieghiamo a destra in via Mure delle Chiappe, pochi metri e ci immettiamo in via del Peralto sempre in salita dove, a breve pedaliamo sul ponte del Peralto e attraversiamo delle vecchie mura.
Passiamo ora ai piedi del forte Castellaccio dove a fianco di un bar entriamo in un bellissimo portale; procediamo sempre in leggera salita sino ad arrivare ad un piazzale adibito a parcheggio dove scollinando ci appare in fronte il forte Sperone.
Tralasciamo ora la strada che diparte alla nostra sinistra e condurrebbe direttamente al forte Sperone e procediamo a destra sempre su manto asfaltato sulla via Al Forte Begato.
Dopo circa un chilometro si nota sul ciglio della strada una diramazione sterrata che in pochi metri conduce ad una cancellata tra le mura, attraversiamo il cancello e saliamo a sinistra per alcuni metri poi nuovamente a sinistra costeggiamo le mura del Forte Begato sino ad un portale.
Con l’aiuto di una piccola rampa artificiale continuiamo a costeggiare le mura del forte su un sentiero che dopo pochi metri ci riconduce sulla strada asfaltata.
Pedalando nuovamente su asfalto ci dirigiamo verso Nord –Est per alcuni metri sino ad arrivare nuovamente al portone attraversato precedentemente.
Ripassiamo anche questa volta tra le ante del portone, ma questa volta imbocchiamo il sentiero delle Mura sulla destra, piccolo tratto in falsopiano e ci spetta una ripida salita.
Dopo la piccola fatica la strada spiana e procede piacevolmente tra la boscaglia, conducendoci al fianco delle mura del Forte Sperone, se si vuole ammirare meglio il complesso fortificato è sufficiente prendere il sentiero a destra della strada che ci porta verso un bellissimo punto panoramico dove si vede molto bene la fortezza.
La strada procede sempre tra sali e scendi e dopo circa 500 metri dal forte Sperone ritroviamo sulla destra un sentiero che sale, imbocchiamo tale traccia per alcuni metri e poi girando a destra ci ritroviamo ai piedi del forte Puin con la sua maestosa scalinata di ingresso.
Sul fianco destro della via d’ingresso al forte diparte una traccia che costeggia sul versante est il forte si ricongiunge dopo breve alla strada che abbiamo abbandonato per la visita al forte Puin.
Pedaliamo in cresta per alcuni metri e al primo bivio scegliamo la stradina di destra abbandonando così la strada più bella e diretta per il forte Diamante.
La nostra deviazione si presenta con un fondo accidentato e impegnativo per la pedalata, ma solo per qualche centinaio di metri poi ci offre un bellissimo scorcio del forte Diamante, mentre alle nostre spalle possiamo vedere i vari forti appena visitati che si stagliano su Genova.
Procediamo ancora alcuni metri e ci ritroviamo al cospetto del forte Fratello Minore, dal piazzale di questo forte torniamo indietro di pochi metri e imbocchiamo il sentiero che sale verso la cime della collina.
Raggiunta la sommita dove permangono i resti del Forte Fratello Maggiore ci godiamo il bellissimo panorama prima di affrontare il ripido sentiero che scende sull’altro versante della collinetta.
Breve discesa e ci ritroviamo ora ai piedi del forte Diamante, al crocevia manteniamo la strada principale che ci porta ad affrontare una serie di impegnativi tornanti per poter conquistare la sommità dov’è costruito il forte Diamante.
Dopo una breve pausa, riscendiamo per la serie di tornanti sino a pervenire al crocevia; qui scegliamo il sentiero che diparte a sinistra attraversando il versante erboso, piccolo passaggio con bici al fianco a causa di un passeggio difficoltoso e scendiamo facilmente sino al Passo Gandino.
Dal passo seguiamo la larga traccia a destra che dopo un breve tratto in piano inizia a salire sino a raggiungere il crinale erboso; qui scendiamo a sinistra su single track per alcuni metri sino a sbucare su una strada sterrata denominata Sentiero dell’Acquedotto.
Attraversiamo la strada sterrata e continuiamo la nostra discesa sempre su sentiero, passiamo sulla galleria della ferrovia Genova – Casella e subito dopo imbocchiamo a sinistra un altro sentiero che finisce su una stradina asfaltata, percorriamo due tornanti e all’uscita dell’ultimo diparte a sinistra una scalinata che scende tagliando tutti i restanti tornanti. Qui si può scegliere se scendere prestando attenzione ai pedoni sulle scale o percorrere la strada asfaltata.
Passiamo davanti alla chiesa di


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10989


Left the car in the parking lot of the Monumental Cemetery of Staglieno, start pedaling toward the kiosks of the florists where we take the small street to the right of the Upper Veilino.
Sail along a stretch cemetery and a few meters after passing under the old aqueduct turn left in via Ascent of St. Anthony; begin to address some twists and within minutes we spend in front of a church.
After passing the church on our left we take the narrow road via San Pantaleo which runs along the eastern slope of the hill, before we go along and then go through the particular gauge railway reduced that connects Genoa with Casella.
neglect the various small branches that meet and continue until you introduce us in via Carso near a bend, turn right and continue uphill on the paved surface.
reached the building that home to the arrival of the funicular Zecca - Righi bend to the right in the street Mure Chiappe, a few meters and we put in the way Peralto always uphill where, in short we cycle on the bridge of Peralto and cross the old walls.
We now at the foot of the fort Castellaccio next to a bar where we enter a beautiful world; always proceed uphill until you reach a large square used as a parking lot where scollinando appears in front of the strong Spur.
now leave aside the road that branches off to our left and would lead directly to the strong Spur and proceed to the right always on asphalted surface on Al Forte Begato.
After about a mile you see on the roadside in a branch road that leads to a gate a few meters from the walls, go through the gate and climb to the left for a few meters then left again go along the walls of Fort Begato up to a portal.
With the help of a small artificial ramp continue on along the walls of the fort on a path that leads us back after a few meters on the asphalt road.
Pedaling on asphalt we go again towards the North-East for a few meters until you get back to the front door crossed previously.
Let's review this time between the doors of the gate, but this time take the path on the right side of the walls, a small section on a slight slope and there it is a steep climb .
After little effort paves the road and proceeds nicely between the bush, leading to the side walls of the Forte Sperone, if you want to enjoy the best fortified complex is sufficient to take the path to the right of the road that leads us to a beautiful vantage point where you can see very well the fortress.
The road goes ever between up and down and after about 500 meters from the strong Spur find ourselves on a path that goes right, we take the track for a few yards and then turning to the right we find ourselves at the foot of the fort Puin with its grand staircase entrance.
On the right side of the street entrance to the fort depart a track that runs along the east side of the fort is reunited shortly after the road that we left for a visit to the fort Puin.
pedal along the ridge for a few meters and at the first fork we choose the right lane of abandoning the most beautiful street and direct to the strong Diamante.
Our deviation shows a bottom rugged and challenging for the ride but only for a few hundred meters then gives us a beautiful view of the fort Diamond, while behind us we can see the various strong just visited that stand out against Genoa.
proceed a few more meters and we find ourselves in the presence of strong Brother Minor, from the square of this fort we go back a few meters and take the path that climbs to the tops of the hill.
reaching the summit where the remains of the fort remain Elder Brother we enjoy the beautiful view before tackling the steep path down on the other side of the hill.
Short downhill and now we find ourselves at the foot of the fort Diamond, at the crossroads keep the main road that leads us to address a number of challenging switchbacks to conquer the summit where he built the fort Diamante.
After a short break, falling back to the series of switchbacks until you come to a crossroads; here we choose the path that branches off to the left across the grassy slope, a small passage with a bike on the side due to a difficult walk up to the Pass and descend easily Gandino.
From the pass we follow the wide track to the right after a short distance in plane begins to climb until you reach the grassy ridge; here we go left onto single track for a few meters until you come out on a dirt road called the Aqueduct Trail.
cross the dirt road and continue our descent always on the trail, we pass on the gallery of the railway Genova - Casella and immediately after to the left we take another path that ends on a paved road, walk two bends and branches off to the left when the last one staircase going down by cutting all remaining turns. Here you can choose to get off paying attention to pedestrians on the stairs or walk the paved road.
Pass in front of the church


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10989

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad