Bajardo - Monte Caggio


  • 46.7 km

    Distance

  • -1 m

    Min height

  • 1090 m

    Max height

  • 1091 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Si parte da via San Francesco e seguendo le varie indicazioni per San Romolo, raggiungiamo la borgata dopo circa 13 chilometri.
Continuando dritti al bivio per il centro dell’abitato, passiamo davanti ad un maneggio e in leggera discesa attraversiamo un ponte che ci conduce sul versante opposto del vallone.
Continuiamo a salire su asfalto, sorpassiamo il bivio per il monte Bignone e dopo pochi metri cambiamo versante e ci troviamo ad affrontare una lieve discesa.
Sempre restando con le nostre ruote sul manto asfaltato scendiamo per 4 chilometri e imbocchiamo sulla nostra sinistra una stradina sterrata che si inoltra in mezzo al bosco.
Tale traccia ci fa svoltare nuovamente il versante della montagna e ci conduce nelle vicinanze di alcune case.
Ritorniamo a posare le ruote sull’asfalto, svoltiamo a sinistra verso un piccolo gruppo di case e dopo pochi metri lasciamo il bitume per una bella stradina in lieve discesa sulla nostra destra.
La stradina procede con alcuni saliscendi e percorsi circa 3 chilometri abbandoniamo la strada per seguire sulla sinistra un sentiero che ci costringe a procedere per alcuni tratti con la bicicletta al fianco.
Affrontata una piccola salita sulla sua sommità troviamo sulla sinistra un sentierino, lasciamo quindi la traccia principale seguita fino a questo momento per percorrere il sentierino che diparte a sinistra.
La traccia ci conduce sopra alla galleria Brunengo e dopo aver bypassato una barriera metallica per i mezzi a motori, ci ritroviamo a un crocevia da cui dipartono varie alternative.
Per raggiungere la nostra meta ci dirigiamo sul sentiero a destra seguendo le indicazioni con il numero “6”, tale traccia ci conduce a percorre il filo di cresta, con alcuni passaggi che ci costringono a spingere la nostra mountain bike; proseguiamo sempre dritto trascurando le varie deviazioni che dipartono sui lati del sentiero.
Raggiunto un piccolo spiazzo troviamo una palina con le indicazioni, lasciamo ora la traccia numero “6” seguita fino ad ora per imboccare il sentiero con indicazioni “Monte Caggio”. Per alcuni metri si può procedere ancora in sella, ma a breve dobbiamo scendere per spingere per alcuni metri la bici; passiamo a fianco ad alcuni pannelli solari posti per l’alimentazione del ripetitore, e seguendo la traccia che prosegue in piano aggiriamo la piccola cima sino a passare sul versante opposto, dove troviamo alla nostra destra una croce e dritto a noi un piccolo balcone panoramico con una Madonnina.
Per la discesa ripercorriamo a ritroso il sentiero che scende dalla cima Caggio, quindi costeggiamo nuovamente i pannelli solari e ritorniamo con le ruote a percorre il sentiero numero “6”, questa volta però in senso contrario.
Ritorniamo indietro per circa 500 metri e prendiamo sulla nostra destra il sentiero “6C” che discende sino alla strada asfaltata che collega San Romolo con Coldirodi, quindi ci dirigiamo verso il fondovalle e percorriamo la strada per circa 1,5 chilometri, quando sulla sinistra ritroviamo una piccola area pic-nic e un pannello esplicativo, svoltiamo a sinistra e imbocchiamo un bel sentiero.
Si scende per alcuni metri e al primo bivio svoltiamo a destra seguendo i segni con il numero “14”, la traccia dopo pochi metri spiana in mezzo al bosco e sulla nostra sinistra diparte un altro sentiero con indicazione “17”.
Senza possibilità di errore proseguiamo a scendere su un tracciato con un buon fondo compatto che serpeggia tra tornanti e passaggi tra rocce; percorsi quasi 2 chilometri dobbiamo tenerci sulla destra e affrontare un breve salita che ci porta a ridosso di un tornante asfaltato.
Dobbiamo caricarci il mezzo a spalle e scavalcare il guard rail, risaliamo quindi sulla bicicletta e procediamo a scendere a valle.
Affrontiamo alcuni tornanti, un piccolo ponte che scavalca un ruscello e dopo circa 250 metri dal ponte prendiamo il sentiero che si inoltra nel bosco sulla nostra sinistra.
Il sentiero costeggia per buona parte un tubo metallico, fiancheggia alcune case e ci porta su una strada che all’inizio un fondo di cemento e poi diventa bitumato.
Procediamo a scendere sino a sbucare dinanzi ad un ristorante, pochi metri sulla strada principale e giriamo a sinistra in via San Bartolomeo, procediamo in leggera salita sino a pervenire ad una ripida stradina in discesa sulla nostra sinistra.
Al fondo della discesa pieghiamo a destra e percorriamo una bellissima traccia sterrata che attraversa alcuni uliveti.
La traccia ci accompagna sino alla periferia di San Remo nel Borgo Opaco. Qui ritroviamo anche l’asfalto e ci dirigiamo verso via Galileo Galilei sino ad attraversare un breve galleria che sbuca in via Dante Alighieri, poche centinai di metri e ci ritroviamo al punto di partenza.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10986


It starts from St. Francis and following the various indications for San Romolo, we reach the village after about 13 kilometers.
Continuing straight ahead at the junction to the center of town, we pass to a slightly downhill riding and cross a bridge that leads us to the opposite side of the valley.
continue to climb out of asphalt, we pass the turnoff to Mount Bignone and after a few meters change slope and we face a slight descent.
Staying with our wheels on the mantle asphalt descend for 4 miles and we take on our left a dirt road that winds through the woods.
This track makes us turn again the slope of the mountain and leads us near some houses.
return to pose the wheels on the pavement, turn left towards a small group of houses and a few meters after we leave the bitumen for a nice little road slightly downhill to our right.
The road continues with some ups and downs and after about 3 km leave the road for follow a path on the left that forces us to do some stretches with the bicycle at his side.
Faced a small climb on its top on the left we find a path, then we leave the main trail followed up to this time to walk the path that branches off to the left.
The track leads over to the gallery Brunengo and having bypassed a metal barrier to transport engines, we find ourselves at a crossroads from which they emerge various alternatives.
To achieve our goal we go on path to the right and follow the signs with the number "6", this leads us to track along the ridge, with some passages that force us to push our mountain bike; continue straight ahead instead of on the various detours that branch off the sides of the path.
reached a small clearing there is a signpost with directions, let us now trace the number "6" followed until now to take the path signposted "Monte Caggio" . For some meters you can still proceed in the saddle, but in the short we have to go to push the bike for a few yards; pass to the left to some solar panels to power the repeater, and following the trail that continues in the small top floor wander up to pass on the opposite side, where we find on our right a cross straight at us and a small balcony with a panoramic a Madonna.
For the descent we retrace backwards the path down from the top Caggio, then again go along with the solar panels and back wheels to follow the path number "6", but this time in the opposite direction.
Let us return back for about 500 meters and take the path on our right "6C" which follows up the paved road that connects San Romolo with Coldirodi, then we head to the bottom of the valley and along the road for about 1.5 miles, on the left when we find a small picnic area and an explanatory panel, turn left, onto a beautiful trail.
It comes down to a few meters and at the first junction turn right and follow the signs with the number "14", the track after a few meters planes in the woods and on our left another trail branches off indicating "17".
Without fail we continue to go down on a track with a good tight bottom that twists and winds through the passages between the rocks; paths almost two kilometers we must keep to the right and face a short climb brings us close to a hairpin tarmac.
We have to charge us back to the middle and jump over the guard rail, then go back on the bike and we continue to go down. < br> We face a few bends, a small bridge over a stream and after about 250 meters from the bridge take the path that goes into the woods on our left.
The trail goes along for most of a metal tube, skirt and some houses there port on a road that at a cement floor and then turns bitumen.
proceed down until you come out in front of a restaurant, a few meters off the main road and turn left into Via San Bartolomeo, proceed uphill until to arrive at a steep downhill road on our left.
At the bottom of the descent we bend to the right and walk along a dirt track that runs through some beautiful olive groves.
The trail takes us up to the outskirts of San Remo in Borgo Matt. Here we also find the track and head towards Via Galileo Galilei until you reach a short tunnel that emerges in via Dante Alighieri, a few hundred meters and we find ourselves at the starting point.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10986

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page