286 Da San Vito, attorno al Cesen, per il sentiero Europeo


  • 51.4 km

    Distance

  • 129 m

    Min height

  • 1364 m

    Max height

  • 1234 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Referente RENATO - () - Ultima ricognizione 13/11/2012
SCHEDA TECNICA
Verso Orario - Lunghezza = 47 Km - Dislivello Sal/Disc = +1570 m
Quote min/Max = 180 / 1365 - Ciclabilità su tempo 97% (a piedi 15 min ) - Tempo Standard ore 6:30 min
Velocità media = 7,8 Km/ora - Difficoltà Tecnica = 5/7 - G.D. = 90 DIFFICILE
DESCRIZIONE
In veloce discesa si torna al Ponte di Fener (da cui siamo venuti in auto) e si prosegue in piano per Segusino; nel wp C si evita la galleria tenendo a sx sulla vecchia strada in disuso e presto si arriva a Vas. Ad inizio paese si svolta a dx per l'impegnativa salita sul versante sud/ovest di cima Vallina. Dopo l'asfalto iniziale troviamo un fondo ben sistemato; si susseguono rampe molto ripide poi inizia il sentiero ed a q. 850 circa, diventa impedalabile. Si spinge la bici per circa 200 m ed a q 900 (zona di ex trincee tedesche a guardia della valle del Piave)il sentiero spiana consentendo di risalire in sella. Nel wp H si ritrova la strada (in discesa condurrebbe rapidamente a Milies); dopo un breve tratto piano (forcella di Col da Fi)si riprende a salire lungo il crinale del Monte Miliana tenendo la carrareccia fino al tornante di q. 1075 (wp I); in questo punto, anzichè proseguire sulla ripida forestale (che sale verso cima Miliana) si tiene a dx e nei pressi di una casera si trova ind. per Sentiero Europeo n° 7 (anche tabellato come "Portogallo - Romania"); questo sentiero, traversando il versante sud del crinale M. Miliana-M. Zogo fa risparmiare circa 100 m di dislivello, ma non è interamente ciclabile e per chi soffre l'esposione su ripidi pendii può richiedere qualche camminata supplementare (5 / 10 min). Ritrovata una strada nel wp L, si scende rapidamente in M da dove (la strada in discesa porta a Milies) saliamo alla Forcellona (q.1260) dove è d'uopo un sosta sia per il punto panoramico che per abbigliarsi per la discesa nell'ombroso versante nord del Monte Cesen; con alterni saliscendi la larga forestale termina a q. 1190 sulla strada Mariech-monte Garda. Tralasciata la strada che sale, si prende a sx e dopo soli 50 m si svolta a dx in discesa. Dopo un facile tratto piano si trova una ripida e dissestata rampa che appiederà, quasi tutti, fino alla radura di C.ra Forcona dove inizia una bella stradina che si addentra nel fitto bosco; poi si restringe a sentiero e risale presso il fondo della valletta (lato sx) con tratti non ciclabili. Sbucati nella radura ai piedi di C.ra Federa, con un ultimo strappo si raggiunge una forestale. Si sale all'evidente valico dove si apre la visuale sul versante trevigiano delle Prealpi e da qui si scende veloci alla base del Rif. Posapuner (aperto in stagione). La bella e panoramica carrabile scende alla S.P. nei pressi di C.re Budui; la si prende verso sx (x Pianezze) e la si tiene per 950 m; quindi la si lascia svoltando a sx per una ripida cementata; dopo una casera, diventa erbosa, tiene in piano, risale un po' e ancora scende ripida fino all'incontro con una forestale dove si tiene a dx. Poco dopo la stradina si allarga quindi scende decisa fino al wp T q. 930 dove (anzichè scendere a Pian de Farnè), si risale, ed è subito molto ripido, verso Pianezze di Valdobbiadene. Giunti al piazzale, si prende una stradina pianeggiante che si tiene sotto la S.P. del monte Cesen-Mariech, che poi viene raggiunta con breve tratto non ciclabile.Poco dopo si lascia la S.P. per una strada che scende verso il Col Balcon e nel punto Y (q.1010)si lascia anche questa per un delizioso sentierino che in lieve discesa, prima nel bosco poi per ampie radure, taglia le pendici del M.Orsere, in dir. est; traversato dritto l'incrocio Y2 a q. 990 si imbocca una strada privata che termina sulla carrareccia della Colonia (robusta sbarra nel finale).Imboccata a sx, si affronta una breve risalita quindi si scende fino al tornante dove si deve imboccare, a dx, la strada Dei Cavalla. Giunti, nel wp Z1, ad una radura, si tiene a sx di una casera e si scende per sentierino prativo fino al wp Z2 dove si ritrova una carrareccia su cui si tiene a sx. Tratti facili si alternano ad altri dal fondo sconnesso finchè nel wp Z3, raggiunto il crinale del Monte PERLO, il fondo migliora decisamente; seguono tratti cementati ed una breve contropendenza (belle casere e laghetto di ninfee presso la sella); dopo Col Antic la strada riprende a scendere ripida, ma cementata, fino al paese di San Vito da cui siamo partiti.


Per arrivare a SAN VITO ( di Valdobbiadene) si può percorrere la SS Feltrina fino al ponte di FENER (ponte sul Piave circa 3 Km dopo il bivio per Pederobba).Si svolta a dx a fine ponte e dopo circa 400 m si devia a sx sulla strada secondaria per San Vito che si raggiunge dopo poco più di un Km (1,4 al parcheggio).



http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/8954


Contact RENATO - () - Last reconnaissance 13/11/2012
TECHNICAL
Towards Hours - Length = 47 km - Altitude difference Sal / Disc = +1570 m
Quote Min / Max = 180/1365 - Cyclability 97% of the time (15 min walk) - Standard Time 6:30 min
Average speed = 7.8 km / h - Technical Difficulties = 5.7 - GD = 90 HARD
DESCRIPTION Flat For fast descent back to the Bridge Vader (from which we came by car) and continue in the plan for Segusino; in wp C avoids the gallery holding left on the old disused road and soon you arrive at Vas. At the beginning of the village turn right for the challenging climb on the south / west of the top Vallina. After the initial asphalt we find a bottom well arranged; follow one another very steep ramps and then begins the path to q. About 850, it becomes no cycle. Pushing the bike for about 200 m and aq 900 (area of ​​the former German trenches to guard the valley of the Piave) paves the path allowing you to go back in the saddle. In wp H finds the road (downhill quickly lead to Milies); After a short distance plan (fork from Col Fi) starts to climb along the ridge of Mount Miliana taking the cart up to the bend of q. 1075 (wp I); at this point, rather than continue on the steep forest (that rises to the top Miliana) is held on the right and near a dairy is ind. European Path to No. 7 (also tabellato as "Portugal - Romania"); this path, crossing the southern slope of the ridge Miliana M.-M. Zogo saves about 100 m in altitude, but it is not entirely cycle and for those who suffer the Esposione on steep slopes may require some extra walk (5/10 min). Found a way in the wp L, go down quickly in M ​​where (the downhill road leads to Milies) climb to Forcellona (q.1260) where it should be a stop for both the vantage point to dress for the descent in 'shady north slope of Mount Cesen; with alternating up and down the wide forest ends at q. 1190 on the road Mariech-monte Garda. Omitted the road up, turn left and after only 50 m turn right downhill. After an easy stretch floor there is a steep and bumpy ramp appiederà, almost all, to the clearing of C.ra Forcona where he started a nice little road that enters a dense forest; then narrows to the trail and back at the bottom of the valley (left side) with traits not paths. Once you emerge into the clearing at the foot of C.ra Federa, with one last tear you reach a forest. Climb the obvious crossing point where the view opens on the side Treviso in the Alpine foothills and from here down fast at the base of Ref. Posapuner (open in season). The beautiful and scenic driveway down to the Sp near C.re Budui; you take it to the left (x Pianezze) and holding it for 950 m; then it is left turning left up a steep concrete; after a dairy, becomes grassy keeps up, go up a bit 'and again descends steeply up to the encounter with a forest where you keep to the right. Shortly after the road widens and then decided to go down to the wp T q. 930 where (instead of down to Pian de Farnè), climb, and it is now very steep towards Pianezze di Valdobbiadene. Once at the square, you take a flat road that takes place under the SP of Mount Cesen-Mariech, which is then reached with short ciclabile.Poco not after you leave the SP a road that goes down to the Col Balcon and the point Y (q.1010) will leave this for a nice trail that goes slightly downhill before then for large clearings in the woods, cuts the slopes of M.Orsere, dir. EST; straight crossed the intersection at q Y2. 990 turn into a private road that ends at the dirt track of Cologne (solid bar in the final) .Imboccata left, it faces a short climb and then descend to the curve where you have to take, turn right on the road Dei Mare. Joints in wp Z1, a clearing, holding left a dairy and it comes down to grassy path to the wp Z2 where you can find a track where it holds on the left. Easy stretches alternate with others from the uneven surface until in wp Z3, reached the crest of Mount PERLO, the fund significantly improves; following sections cemented, and a brief contropendenza (beautiful huts and lily pond at the saddle); With Antic after the road starts to descend steep, but cemented, to the village of San Vito where we started.
to get to SAN VITO (Valdobbiadene) you can take the SS Feltrina up to FENER bridge (the bridge over the Piave about 3 km after the junction for Pederobba) .It at the end of the bridge turn right and after 400 m you turn left on the road to San Vito which is reached after a little more than one kilometer (1 , 4 parking).


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/8954

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad