Generoso: Lardai - Vetta - Arogno


  • 40.3 km

    Distance

  • 317 m

    Min height

  • 1704 m

    Max height

  • 1387 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Grio completo del Monte Generoso, con forse la discesa più bella e meno esploarata (e forse per questo in alcuni punti un po' sporca). E' un itinerario impegnativo fisicamente e con numerosi tratti tecnici, sia a salire che a scendere.
Si parte del mercato coperto di Mendrisio, comodo e ampio parcheggio.
Attraverso le vie del centro si prende la strada asfaltata che sale al Generoso; a Salorino prendiamo a destra (via Cantine, poi Giro di Campora) in ripida salita, che diventa poi sterrata più pianeggiante. Al bivo in prossimità di alcune case prendiamo a destra; da qui parte il sentiero Lardai, sterrata sassosa e in parte smossa, che con tornanti e passaggi tecnici al limite della trazione ci porta a Cragno.
Arrivati nel borgo prendiamo a destra, in direzione la Grassa, che raggiungiamo con un paio di strappi attraverso un bel sentiero nel bosco. Dopo aver attraversato i pascoli, prendiamo a sinistra in salita, aggirando la fattoria, e poi ancora a sinistra su sentiero. Si scollina al Dosso dell'Ora, dopo 4,5Km per 550m di dislivello.
Da qui , su asfalto, ci dirigiamo verso la stazione del trenino Bellavista, ma prima di raggiungerla, in prossimita di un tornante sulla sterrata, prendiamo a destra.
Questo tratto è molto duro da percorrere in sella, ma con tecnica e gamba si può fare.
Dopo 4 tornanti raggiungiamo il sentiero che attraversa i binari del trenino e sale lungo i prati del versante sud. Il primo km è pedalabile (qualche passaggio tecnico), ma dopo il secondo tratto nel bosco, bisognerà principalmente spingere: si tratta di 1 km per poco meno di 200 mt, su ampio sentiero a gradoni.
Raggiunta la stazione di arrivo del trenino, una pausa è d'obbligo, ma attenti perchè la salita non è ancora terminata. Bisogna infatti salire ancora per un centinaio di metri e prendere il sentiero alto.
Questo tratto che corre sotto la vetta del Genreso è a tratti molto esposto e presenta diversi passaggi che vi consiglio, per sicurezza, di affrontare apiedi.
Raggiunta una sella con vista sul Lago di Lugano, inizia la discesa verso Barco dei Montoni, tratto veloce e aperto su tipico sentiero alpino. Al termine della breve risalita su prato, si prende a sinistra e si prosegue in discesa su ampio sentiero a gradoni (oltrepassate un muretto a secco), fino a una radura, da cui si prosegue in discesa in un canale, a volte viscido (infatti in traccia si passa su altro sentiero, meno divertente ma più sicuro con il bagnato).
Raggiunto lo spiazzo, prendiamo a sinistra su carrareccia, e poco dopo a sinistra vedrete degli scalini in salita. Da qui parte un bellissimo single track molto tecnico per via dei continui rilanci in salita, condito da radici e rocce; alcuni brevissimi tratti non sono pedalabili.
Dopo la caserma di confine, un ultimo strappo ci porta all'inizio della discesa vera verso Arogno. Si parte in una faggetta, in cui la traccia del sentiero è poco visibile, ma lo diventa sempre più con l'aumentare della pendenza; attraversiamo la carrareccia e proseguiamo in discesa in questo tratto bellissimo, con continue curve e contro curve, fino ad incorciare un altro sentiero. Prendiamo a sinistra in salita verso l'alpe di Arogno; la passiamo e continuiamo in discesa. Attenzione a questo tratto, presenta numerosi tornanti, alcuni stretti e molto ripidi.
Continuiamo in discesa seguendo le indicazioni per Arogno; dopo aver svoltato bruscamente a destra, con un breve tratto veloce raggiungiamo l'asfalto (frazione Bossi).
Prendiamo a sinistra, al bivio la strada centrale, fino a raggiungere la sterrata; lungo questa, prendiamo a destra su scalinata e poi sentiero divertente, raggiungiamo Arogno e poi prendiamo verso Rovio.
Entriamo nel centro storico, e subito all'uscita prendiamo sinistra; con questo sentiero raggiungiamo la spettacolare Cascata del Botto.
Attraversiamo con cautela le viscide scale e il ponte (a piedi), e riprendiamo il sentiero, che dopo un paio di strappi in salita, diventa veloce e via via più largo, fino a raggiungere l'asfalto che sale da Melano.
Da qui si rientra su strada a Mendrisio (in traccia c'è la Cantonale, ma per chi volesse a Capolago parte una ciclabile fino a Mendrisio).


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/8493


Grio full Monte Generoso, with perhaps the most beautiful and less esploarata descent (and perhaps this is why in some places a little 'dirty). It 'a physically demanding tour and with many technical sections, both up and down.
Part of the market covered Mendrisio, convenient and ample parking.
Through the streets of downtown, take the paved road that climbs Generoso; Salorino to take the right (via Wine, then Tour de Campora) in steep ascent, which becomes flatter dirt. At Bivo near some houses turn right; from here the path Lardai, stony gravel and partly loose, that with twists and technical passages to the limit of traction leads us to Cragno.
Once in the village turn right in the direction of the Fat, reachable with a pair of tearing through a beautiful forest path. After crossing the pastures, take a left uphill, bypassing the farm, and then left again on the trail. It scollina the Hour of Dosso, after 4.5km to 550m in altitude.
From here, on asphalt, we head towards the train station Bellavista, but before you reach it, near a bend on the dirt road, we take a the right.
This stretch is very hard to go riding, but with technique and leg you can do.
After 4 switchbacks we reach the path that crosses the tracks of the train and salt meadows along the south side. The first km is pedaled (some technical passage), but after the second stroke in the woods, you will need to push mainly: it is 1 km to less than 200 meters, on a large path with steps.
Reaching the station of arrival train, a break is a must, but be careful because the climb is not over yet. We must therefore rise for a hundred yards and take the path up.
This stretch that runs under the peak of Genreso is extremely exposed in places and has several steps that I recommend, for safety, to address either walk.
When you reach a saddle with views of Lake Lugano, begins the descent towards Barco of Montoni, fast section and open on typical alpine trail. At the end of the short climb on the lawn, turn left and continue downhill on wide path with steps (past a dry stone wall), up to a clearing, where you can go downhill in a channel, sometimes slimy (in fact in track switches on another path, less fun but more secure in the wet).
reached the clearing, take a left onto the track, and soon after left you will see the steps uphill. From here there is a beautiful single track is very technical because of the continuous rise in raises, seasoned with roots and rocks; some short stretches are not ridable.
After the barracks of the border, a last tear us to the beginning of the descent towards real Arogno. It starts in a faggetta, in which the trace of the path is not very visible, but it becomes more and more with the increasing of the slope; cross the dirt track and continue down this stretch beautiful, with continuous curves and reverse curves, up to incorciare another path. We turn left uphill towards Alpe Arogno; the pass and continue downhill. Beware of this section, has many twists and turns, some narrow and very steep.
Continue downhill following the signs for Arogno; after turning sharply to the right, with a short stretch of fast reach the asphalt (fraction Bossi).
Take a left at the fork the main road until you reach the dirt road; this along, turn right on stairs and then walk funny, and then we take to reach Arogno Rovio.
We enter the old town, and immediately take the exit on the left; with this path we reach the spectacular waterfall of Botto.
cross with caution slippery stairs and the bridge (on foot), and continue the trail, which after a couple of pulls uphill, gradually becomes faster and wider, until to reach the asphalt that climbs from Melano.
From here go back on the road to Mendrisio (track is in the Canton, but for those who want to Capolago part of a path to Mendrisio).


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/8493

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad