092. Monte Joanaz e malghe di Porzus


  • 53.9 km

    Distance

  • 188 m

    Min height

  • 1153 m

    Max height

  • 965 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Verso antiorario – km 27 – dislivello 1280m. – Altezza min.188m / max.1150m

Partenza da Faedis (parcheggio in piazza). Si prende in direzione Canal di Grivò, e su strada asfaltata si sale fino alle porte del paesino di Pedrosa, dove al km 8,2 si svolterà a dx sempre su asfalto. Al km 9,3 si svolta a sx su sterrato dove a tratti, a causa del fondo particolarmente sconnesso, bisognerà spingere la bici a mano (Foto1) e al km 11,3 si raggiungerà la località Madonnina del Dom. Da qui con altri 200 metri di dislivello si arriva alla vetta del monte Joanaz da dove si potrà godere di un panorama che spazia a 360° dalla pianura sottostante sino ai monti Canin, Nero e Matajur. (Foto2)
Si scende lungo la cresta fino a riprendere la traccia di salita al km14,4 e dopo circa 200 metri si svolta a dx su sentiero tecnico (CAI 3) con fondo scalinato di radici (Foto3) che in 2 km ci porterà alla bocchetta di Sant'Antonio. Si prende la strada per Porzus e al km 17,7 svolteremo a dx su strada cementata che sale ripida in direzione delle malghe di Porzus, teatro di un eccidio ad opera di un centinaio di partigiani avvenuto nel febbraio del 1945.
Raggiunte e superate le malghe prendere a sx su una rampa, seguendo indicazione per Clap. Percorrere la traccia in una pineta sino alla cresta del monte Januar dove si scenderà su un fondo di aghi di pino molto ripido fino a ritrovare l'asfalto (km 19,6). Si svolta a dx e dopo 400 metri a sx su sentiero che, con una discesa tecnica in mezzo al bosco, arriva ad un traverso che con un sali scendi ci riporta sulla strada per Porzus, la attraversiamo e su un sentiero sassoso raggiungeremo il paese. Arrivati al paese si scende seguendo le indicazioni per Attimis e all'altezza di una curva si imbocca una strada sterrata che dopo un centinaio di metri si trasforma in un Single track (Foto4) segnato da bolli rossi su alberi e sassi. Nella prima parte il sentiero è divertente e facile, nella parte centrale ci sono brevi tratti molto difficili da superare in sella alla mtb che richiedono ottime doti tecniche e buon coraggio. Ad un trivio si segue a sx verso il Castello di Cucagna (Foto5) e di Zucco. Questa parte finale del sentiero si svolge in gran parte su un fondo ciottolato e sbuca sulla strada asfaltata dove in breve si guadagna la piazza di Faedis.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10874


Counter-clockwise - 27 km - altitude 1280m. - Height min.188m / max.1150m
out from Faedis (parking in the square). It takes in the direction of Grivò Canal, and on a paved road climbs up to the gates of the village of Pedrosa, where the 8.2 km you have to turn right again on asphalt. At 9.3 km turn left onto the dirt road where at times, due to the very uneven bottom, we must push the bike by hand (Photo1) and 11.3 km you will reach the location of the Madonnina Sun From here, with another 200 vertical meters you reach the summit of Mount Joanaz from where you can enjoy a 360 ° panorama that sweeps from the plains below up to the mountains Canin, Black and Matajur. (Foto2)
We descend along the ridge to shoot the track to climb to km14,4 and after about 200 meters turn right on a technical trail (CAI 3) with stepped bottom of the roots (Foto3) and in 2 km will lead us to the nozzle of St. Anthony. Take the road to Porzus and 17.7 km we turn right onto the concrete road that climbs steeply towards the huts Porzus, scene of a massacre at the hands of a hundred partisans took place in February 1945.
Reaching and take a left past the huts on a ramp, following signs for Clap. Take the track in a pine forest up to the crest of the mountain Januar where you come down on a bed of pine needles very steeply to a tarred road (km 19.6). Turn right and after 400 meters turn left on the path, with a technical descent through the woods, you come to a cross with an up and down Porzus us back on the road to the cross and on a stony path will reach the country. On entering the village you go down and follow the signs for Attimis and height of a curve you take a dirt road after a hundred meters is transformed into a Single track (Foto4) marked by red marks on trees and rocks. In the first part of the trail is fun and easy, in the central part there are short stretches very difficult to overcome in the saddle mtb that require excellent technical skills and good courage. At a crossroads, follow it to the left towards the Castle of Cucagna (Photo5) and Zucco. This final part of the trail takes place largely on a cobblestone bottom and come out on the road where he quickly earns the square of Faedis.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10874

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad