Tracciolino valtellinese


  • 41.5 km

    Distance

  • 310 m

    Min height

  • 1060 m

    Max height

  • 749 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Giro ad anello che parte ed arriva a Piateda. Dalla SS38 si scende verso il "Sentiero Valtellina", e si perviene ad un bivio dove comincia la salita verso Sazzo, con pendenze mai proibitive ma con pochi spazi per tirare il fiato. Raggiunta Arigna si prosegue per il Dosso del Grillo, una radura attrezzata a posteggio camper. Qui si possono seguire le indicazioni per la ciclabile (via più ripida) oppure seguire la traccia ed arrivare alla decauville in maniera più soft. Il percorso a mezza costa è sterrato ma ben battuto, senza parapetto ma molto largo e quindi non pericoloso. E' praticamente piatto salvo uno strappo per aggirare un bacino idroelettrico. Due tornanti e si arriva ad un pannello dove si lascia la strada che scende per immettersi sulla carrozzabile verso Vedello. Qui inizia il tratto più insolito e che ricorda il Tracciolino della val Codera, con diverse gallerie dove è bene avere una torcia. I binari sono stati asportati, quindi non ci sono molti pericoli. Arrivati alla diga di Vedello si può continuare 300 metri per arrivare al ponte sul ruscello, prima di tornare indietro. Il percorso di rientro è lo stesso dell'andata sino ad Arigna. Qui si attraversa il paese fino a scendere e trovare un vecchio sentiero non segnalato ma ben battuto che ci porta sul greto del torrente Arigna: inizia qui un lungo e divertente single-track tutto nel bosco che scende con leggere difficoltà tecniche fino al fondovalle ricollegandosi al Sentiero Valtellina qualche km più a est rispetto all'inizio del giro.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10003


A round trip that starts and ends in Piateda. From the SS38 you go down to the "Path Valtellina," and you come to a fork in the road begins to climb to Sazzo, with slopes never prohibitive, but with little room to breath. After reaching Arigna continue for the Dosso del Grillo, a picnic area in caravan. Here you can follow the directions for the route (steepest street) or follow the track and get to decauville in a more soft. The path halfway up the dirt road but is well-wrought, without a parapet but very wide and therefore not dangerous. It 'almost flat except for a rip around a hydroelectric reservoir. Two turns and you get to a panel where you leave the road down to take the carriage to Vedella. Here begins the most unusual and reminiscent of Tracciolino val Codera, with several galleries where it is good to have a flashlight. The tracks have been removed, so there are many dangers. Arriving at the dam Vedello you can continue 300 meters to get to the bridge over the brook, before turning back. The return path is the same as the first leg up to Arigna. Here we cross the country to get out and find an old trail is not marked but well wrought that takes us on the banks of the river Arigna: here begins a long and fun single-track everything that goes down in the woods with slight technical difficulties to the valley floor by reconnecting to the Path of Valtellina few km further east than at the beginning of the tour.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10003

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad