Tour molto oltre i Piani Artavaggio


  • 97.3 km

    Distance

  • 842 m

    Min height

  • 1891 m

    Max height

  • 1049 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Con questo tour, che possiamo suddividere in 3 fasi, si ha la possibilità di un’ampia visibilità sia della Valsassina che della Val Taleggio.

Partenza da Moggio (LC) parcheggio del C.tro Sportivo prendendo la strada Provinciale 64 per intenderci la salita verso il Culmine di S.Pietro, al km 5 svoltare a SX ad una sbarra, dove inizia la salita su strada bianca, che porta ai Piani di Artavaggio, tutto il tracciato è molto agevole e pedalabile.

Arrivati ai Piani di Artavaggio, guardando in direzione della cima Sodadura, in evidenza appare arroccata sui ripiani superiori la piramide del Rifugio Nicola (mt.1.880)

Lungo una serie di tornanti abbastanza ciclabili ci si avvicina progressivamente, poi nell’ultima parte, lo sterrato è molto più impegnativo e faticoso, a questo punto dopo approssimativi quasi 15 km. di salita se si procede spingendo la bike non è assolutamente un disonore.
Gli ultimi 2/3 tornanti (circa 200mt) sono tremendi. In questo rifugio una sosta è necessaria e obbligatoria, soprattutto per affrontare la seconda parte del tour.

Ricuperate le forze, ora si può iniziare la seconda fase di questo giro che prende direzione verso il Passo Sodadura (mt. 1.867) si prosegue per la Bocch. di Regadur (mt. 1.859) per cui tutto il tracciato si snoda restando in quota su sentiero abbastanza agevole tranne qualche passaggio un pò tecnico. L'ultima parte del sentiero che scende verso il Rif. Battisti (mt. 1.685) è un pò più esposto ma sempre pedalabile ed agevole, in concomitanza ad un panorama bellissimo. Da qui si prosegue fino al Rif. Gherardi (mt. 1.650) dove una eventuale sosta potrebbe essere poi ripagante per la terza parte del tour.

Dal Rif. Gherardi a questo punto si prende la direzione per Pizzino (Bg) dando inizio alla terza parte del Tour, che ci porta proprio fino a fondo valle. Dal Gherardi eventualmente c'è una variante che riporta ai Piani di Artavaggio (ma quella è una altra traccia).

Si prosegue quindi per una discesa lunghissima su sentiero in molti punti cementato per cui si può mantenere velocità e ottima gestione dei freni.

Arrivati poco prima di Grasso (Bg) sulla nostra destra si noteranno i cartelli mappa delle tracce MTB della Val Taleggio si prende a DX per Fraggio e si segue il sentiero bellissimo per Via della Architetture Rurali proseguendo per Salzana poi San Bartolomeo.
Molti tratti di single track in discesa piuttosto tecnico ma comunque tutti pedalabili.
Si arriva ad uno slargo asfaltato e guardando sulla SX si intravede il sentiero che riprende in ripida pendenza per pochi metri, attraversa un ruscello con un ponticello e subito dopo si impenna in single track in salita decisamente tecnico, ma chi ha buona gamba riesce a pedalarlo tranne in qualche punto.

Giunti alla chiesa di San Bartolomeo tenere la destra e salire per Vedeseta (mt. 820), qui si torna su strada asfaltata, e a questo punto non resta altro che la scalata, passando per Frazione Avolasio, verso il Passo del Culmine di San Pietro (mt. 1300) - 12 km di salita tutta pedalabile con pendenze del tutto accettabili. Il problema potrebbe essere aver accumulato stanchezza da dove si proviene.

Una volta giunti al passo è sicuramente gradevole una sosta per poi ripartire a questo punto per gli ultimi 7 km tutti in discesa verso Moggio.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10713


With this tour, which can be divided into 3 phases, you have the option of a wide visibility is Valsasso that the Val Taleggio.
Out from bushel (LC) parking lot of Sportsman C.tro taking the provincial road 64 for instance, the ascent to the climax of St. Peter, at 5 km turn left at a bar, where he began the climb on gravel road that leads to the Plans of Artavaggio the whole track is very smooth and pedaled.
Arriving at
Plans Artavaggio, looking towards the summit Sodadura, highlighting appears perched on the top shelves of the pyramid Refuge Nicola (mt.1.880)
along a series of switchbacks enough lanes approaching progressively , then the last part, the dirt is much more challenging and difficult at this point after almost approximate 15 km. Rise if you drive by pushing the bike is absolutely a disgrace.
The last 2-3 turns (about 200 m) are tremendous. In this retreat a stop is necessary and mandatory, particularly to address the second part of the tour.
Recovered his strength, now you can start the second phase of this tour that takes direction towards Passo Sodadura (mt. 1,867 ) continue on the escutcheon. of Regadur (mt. 1,859) for which all the track winds remaining at high altitude on the trail fairly easy except for a few passing a little technical. The last part of the path that leads down to the ref. Battisti (mt. 1,685) is a little more exposed and easier to pedal but always in conjunction with a beautiful landscape. From here you go up to the ref Gherardi (m. 1650) where a possible stop could then be rewarding for the third part of the tour.
From Rif Gherardi at this point, take the direction to Pizzino (Bg ) beginning the third part of the tour, which takes us right down to the valley. From the Gherardi possibly there is a variant that contains the plans Artavaggio (but that's another track).
It continues for a long descent on the trail in many places cemented so you can maintain speed and excellent management of the brakes.
arrived just before Grasso (Bg) on ??your right you will notice the signs of the tracks MTB map Val Taleggio takes a DX for Fraggio and follow the trail to the beautiful Via della Architectures Rural continuing Salzana then to San Bartolomeo.
Many stretches of single track downhill rather technical but all ridable.
You will come to a clearing paved and looking on the left, you can see the trail that takes in steep slope for a few meters, crosses a stream with a bridge and then immediately rears up in single track uphill quite technical, but who has good leg can pedalarlo except at some point.
Once at the church of San Bartolomeo, bear right and go up to Vedeseta (mt. 820), here you go back on the paved road, and at this point there is nothing left to climb, passing fraction Avolasio towards the Passo del Culmination of San Pietro (mt. 1300) - 12 km of uphill pedaling across gradients of all acceptable . The problem may be having accumulated fatigue from where you came from.
Once the pass is definitely a nice stop and then start again at this point for the last 7 km all downhill towards bushel.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10713

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad