Monte delle Scale


  • 21.3 km

    Distance

  • 1302 m

    Min height

  • 2445 m

    Max height

  • 1143 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Disclaimer 1:
l'itinerario si svolge per buona parte in ambiente di alta montagna, e sia in salita che in discesa vi sono passaggi stretti e molto esposti da affrontare conducendo o portando la bici. Con molto esposti non si intende che cadendo sotto ci si rompe una caviglia, ma che vi sono buone possibilità di finire al camposanto. Se non si è abituati a muoversi su terreni del genere (ricordando che la bici costituisce un notevole impiccio) meglio lasciar perdere, visto che nella stessa zona gli itinerari degni di nota abbondano.

Disclaimer 2:
la traccia GPS contiene delle imprecisioni dovute al fatto che in alcuni punti incassati lo strumento perdeva il segnale satellitare. Presso le deviazioni, o comunque nei punti "importanti", la traccia dovrebbe comunque essere abbastanza precisa.

L'itinerario preveda la salita al Monte delle Scale, la montagna che sovrasta ad est le Torri di Fraele, in prossimità della diga di Cancano. Poco sotto la cima, a circa 2400 m di quota ed ormai nel punto culminante dell'itinerario, si trova un piccolo fortino risalente alla Prima Guerra Mondiale. Uno dei tanti resti della Grande Guerra che si trovano da queste parti, ma non per questo meno impressionante se si pensa cosa hanno dovuto affrontare gli uomini che sono saliti fin quassù per costruirlo.
Un particolare ringraziamento a Marzia per avermi suggerito questo itinerario, fra i più belli e suggestivi che io conosca.

Relazione:
Si parte poco oltre Bormio, presso il ponte sull'Adda prima della località di Fior d'Alpe Turripiano. Giunti a Fior d'Alpe si svolta a dx seguendo le indicazioni per le Torri di Fraele. La salita è totalmente asfaltata e non è mai ripida. A quota 1630 m ca., sulla dx c'è uno spiazzo con una fontana. Da questo punto in avanti l'acqua scarseggia, quindi fate bene i conti...
Oltrepassata una galleria e le Torri di Fraele, poco oltre si abbandona la strada e si svolta a dx prendendo la mulattiera che sale al Monte delle Scale (indicazioni presenti). La salita è piuttosto ripida e continua, ma pedalabile fino a quota 2200 m ca. Da questo punto in avanti i tratti pedalabili sono pochi e spesso esposti, dato che i detriti e numerose piccole frane si sono portati via l'antica strada militare (non è da escludere che in futuro il sentiero riceva una sistemata, ma nel giugno 2011 la situazione era questa). La pendenza non è quasi mai accentuata, dato che il sentiero percorre sostanzialmente in costa il versante sud della montagna. L'ultimo tratto piega invece in direzione nord ed alcuni tornanti conducono in prossimità del fortino (vale la pena fare una piccola visita nei locali interni, dove alcuni cartelloni raccontano la vita dei soldati su queste montagne durante la Grande Guerra). Una manciata di metri e si raggiunge il pianoro dove parte il sentiero di discesa che solca il versante nord della montagna, molto meno impervio di quello appena percorso. Il sentiero, se si escludono un paio di punti franati, non è mai impegnativo e concede dei tratti con un bel flow. Più in basso si entra nella vegetazione ed il flow diventa persino entusiasmante.
Sbucati nei prati in prossimità del Lago delle Scale (attenzione a non uscire dal sentiero, i prati hanno dei proprietari che ci fanno il fieno!), si piega a dx ed in breve si imbocca il sentiero che conduce alla seconda discesa della giornata, quella di Ferrarola. Per arrivare alla discesa vera e propria bisogna sciropparsi un centinaio di metri di salita con diversi strappetti "simpatici" dove sarà possibile verificare quanta birra si ha ancora in corpo. Un breve tratto con qualche saliscendi, dopodichè comincia la picchiata di Ferrarola.
La prima parte di discesa, a parte alcuni tornanti un po' stretti, non è mai particolarmente difficoltosa. La parte intermedia presenta invece una sezione dove il sentiero è in parte franato e dove è il caso di condurre la bici a mano. Fare estrema attenzione in questi punti, spesso più esposti di quanto sembrerebbe percorrendoli in discesa! (ve ne accorgete voltandovi una volta che li avrete passati). La parte finale è un flow sempre più veloce ed entusiasmante e la discesa termina praticamente in prossimità del punto di partenza dell'itinerario.















http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/4560


Disclaimer 1:
the itinerary is for the most part in high mountain, and both uphill and downhill, there are narrow passages and very exposed to deal with conducting or carrying the bike. With very exposed not intended to falling under you break an ankle, but there is a good chance of ending up at the cemetery. If you are not used to move on the grounds of gender (remembering that the bike is a major hindrance) forget it, because in the same area routes noteworthy abound.
Disclaimer 2:
the GPS track contains inaccuracies due to the fact that in some places received the instrument lost the satellite signal. At the deviations, or at least in an "important", the track should still be fairly accurate.
The route includes the ascent to Monte delle Scale, the mountain that dominates the east Fraele Towers, near Dam Cancano. Just below the summit, at about 2400 m above sea level and is now the highest point of the route, there is a small fortress dating back to the First World War. One of the many remains of the Great War that are found in these parts, but no less impressive when you consider what they have had to deal with men who have come up here to build it.
A special thanks to Marcia for having suggested this route , one of the most beautiful and evocative that I know of.
Report:
It starts just beyond Bormio, at the first bridge over the town of Fior d'Alpe Turripiano. Once in Fior d'Alpe turn right following the signs for the Towers of Fraele. The climb is totally paved and is never steep. At an altitude of about 1630 m, on the right there is an open space with a fountain. From this point on, water is scarce, so be careful account ...
Beyond a tunnel and the Towers of Fraele, little more than leave the road and turn right taking the trail that goes up to the Mount of Scale (instructions provided). The climb is quite steep and continuous, but pedaled up to a height of 2200 m approx From this point forward the ridable stretches are few and often exposed, since the debris and numerous small landslides have taken away the old military road (it is not excluded that in the future the path receives an arranged, but in June 2011 the this situation was). The slope is almost never pronounced, since the path runs along the coast largely in the south side of the mountain. The last stretch bend instead northbound and some hairpin bends lead in the vicinity of the fort (it is worth making a short visit into the interior, where some posters depict the life of the soldiers in these mountains during the Great War). A handful of meters and you will reach the plateau where the path of descent runs through the north side of the mountain, much less steep than just path. The trail, apart from a couple of points collapsed, never demanding and grants traits with a nice flow. Lower down you enter the vegetation and the flow becomes even exciting.
Once you emerge in the meadows near Lake of the stairs (be careful not to leave the trail, the meadows have owners that make us the hay!), Turn to the dx and briefly take the path that leads to the second run of the day, that of Ferrarola. To get down to the real need to sciropparsi a hundred yards uphill with different strappetti "nice" where you can check how much beer is still in the body. A short section with some ups and downs, then begins to beat Ferrarola.
The first part of the descent, apart from a few bends a bit 'tight, it's never particularly difficult. The middle part presents instead a section where the trail is partially collapsed and where it is appropriate to bring the bike in hand. Use extreme caution in these points, often more exposed than it would seem by traveling downhill! (You not perceive voltandovi once you get past them). The final part is a flow faster and faster, exciting and the descent ends practically in the vicinity of the starting point of the route.




http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/4560

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad