330 Da Pian de Salesei: Pralongià, f. lla Averau e f. lla Nuvolao.


  • 64.2 km

    Distance

  • 1176 m

    Min height

  • 2445 m

    Max height

  • 1268 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Referente - () - Ultima ricognizione: 16/07/2013

SCHEDA TECNICA:
Verso Orario - Lunghezza = 72 Km - Dislivello Sal/Disc = +2650 m
Quote min/Max = 1180 / 2420 - Tempo Standard ore 10
Velocità media = 7,1 Km/ora - Ciclabilità su tempo 97% (a piedi 20 min)
Difficoltà Tecnica = 6/7 DIFFICILE - G.D. = 137 Difficilissimo

DESCRIZIONE:
Da Pian de Salesei si imbocca la valle del T. Cordevole per stradina che segue il corso del torrente fino a Vallazza; poi con duri strappi si guadagna la SR (Pieve-Arabba). Presto la si lascia per una stradina asfaltata che sale a Lasta e quindi a Contrin. Inizia lo sterrato con una dura rampa che superata porta nell’altopiano di Cherz. Alla malga si incontra la strada che conduce al valico di f.lla Incisa (q. 1940). Per buon sterrato si scende a Capanna Nera, si attraversa per l’Arlara e si scende giù fino a Corvara, e poi verso Colfosco. Per una ottima ciclabile si arriva presto a La villa e da qui si imbocca la valle di San Cassiano. Alla base della seggiovia inizia la larga strada bianca che porta ai rifugi (Saraghes il più noto). A q. 1695 si prende una forestale con sbarra (d’inverno è pista per slittini) che si inerpica fino al Rif. Sorega. Da qui una stupenda traversata su crinale panoramico porta a sfiorare il rif. Biok e quindi al famoso rif. Pralongià (da cui la vista spazia con panoramica a 360 ° sia su gran parte delle più belle vette dolomitiche e, verso nord, sui monti di confine (Vedrette di Ries).
Dal Pralongià si guadagnano i prati a nord di Stueres ora resi ciclabili da una stradina che li attraversa, fino all’imbocco della forestale che scende ripida verso l’Armentarola. Nel wp N q. 1680 si riprende a salire verso il passo di Valparola. Si evita un bel po’ di asfalto grazie alla vecchia strada abbandonata, ritrovando la S.P. poco sotto al passo. Rifocillati al Rifugio si scende veloci al Passo Falzarego. Inizia ora la parte più qualificante (e insidiosa) del percorso; nessuno aveva pensato di percorrere in bici il sentiero CAI n.441 e non sappiamo cosa ci aspetta. Inizio da favola .. poi, a q. 2270, alcuni ripidi tornantini ci appiedano per pochi minuti. A q. 2360 un passaggio sembra insormontabile dobbiamo sollevare le bici aiutandoci a vicenda per una breve arrampicata (senza bici e con buoni scarponi da roccia non sarebbe stato un problema …). In meno di 10 min. ne siamo fuori e lo spettacolo che ci offre poco dopo la forcella Averau ci ripaga delle fatiche. Il successivo sentierino che taglia il versante sud dell’Averau in dir. est richiede attenzione per il ripido versante (nel dubbio .. a piedi); si arriva così a forcella Nuvolao dove le salite sono praticamente finite. La discesa taglia il versante sud dell’ Averau, ora in dir ovest, quindi punta all’ evidente crinale erboso; Nel wp T (q.2205) inizia la discesa sul versante ovest (sempre sentiero CAI 441) a tratti ripida che richiede alcuni passi a piedi e termina a q. 1810 sulla SR (Cernadoi-Falzarego) . Si risale per un centinaio di metri quindi si prende la discesa per Malga Castello. Arrivati al Castello di Andraz (Buchenstein) si scende subito per un sentiero che percorre il fondovalle lungo il torrente. Ritrovata la SR nel tornante di q. 1627, dopo 500 m (di fronte al rist. “La Baita” ) la si lascia per sentieri che rasentano un campo sportivo ed il campeggio di Cernadoi.(Col di Lana). Attraversata 2 volte la SR si arriva, con un ultimo tratto su stradina minore, al centro del paesino di Andraz. Si imbocca ora la stradina che in falsopiano, mantenendosi sotto la SR, a questa si congiungerebbe in loc. Collaz. Il percorso invece la abbandona nel wp Y q. 1320 per un sentiero ripido ed a tratti dissestato che scende a fondovalle. Qui si allarga ed il fondo migliora: siamo ormai nei pressi dell’arrivo di Pian de Salesei.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10525


Contact - () - Last reconnaissance: 07/16/2013
SHEET: Towards
Hours - Length = 72 km - Altitude difference Sal / Disc = +2650 m
Quote Min / Max = 1180 / 2420 - 10 hours Standard Time
Average speed = 7.1 km / h - saddle on time 97% (20 min walk)
Technical Difficulty = 6-7 DIFFICULT - GD 137 = Very Hard
DESCRIPTION:
Pian de Salesei take the valley of T. Cordevole for road that follows the stream up to Vallazza; then with hard jerks earns SR (Pieve-Arabba). Soon you leave it for a paved road that goes up to Lasta and then Contrin. The dirt road begins with an uphill ramp that leads exceeded the plateau of Cherz. To the hut you come to the road that leads to the pass of F.lla Engraved (alt. 1940). For good dirt road you go down to the Black Hut, cross the Arlara and flows down to Corvara, and then to Kolfuschg. For optimum path you arrive early in the villa and from there you take the valley of San Cassiano. At the base of the chairlift starts the wide dirt road that leads to the shelters (Saraghes the best known). A q. 1695 takes a forest with bar (winter is the toboggan run) which climbs up to the ref. Sorega. From here a beautiful passage on the scenic ridge and approaching ref. Biok and then to the famous ref. Pralongià (from which the view extends to 360 ° is a large part of the most beautiful peaks of the Dolomites and to the north, the mountains of the border (Rieserfern).
Since Pralongià earn the meadows north of Stueres now made by a bicycle lane that passes through them, to the entrance of the forest that descends steeply towards the Armentarola. In wp N q. 1680 starts to climb towards the pass of Valparola. This avoids a lot 'of asphalt due to old abandoned road, finding the SP just below the pass. Refreshed the Refuge descend fast to Falzarego. Begin now the most qualifying (and insidious) of the path, and no one had thought of cycling in the CAI 441 and we do not know what lies ahead. Starting fairytale .. then, at q. 2270, some steep hairpins appiedano there for a few minutes. A q. passage seems insurmountable 2360 we lift the bike helping each other for a short climb (without bike and with good boots rock would not be a problem ...). In less than 10 min. we are out and the show that gives us shortly after the fork Averau repay us the labors. The next path that cuts the south side dell'Averau in dir. East requires attention to the steep slope (if in doubt .. walk); so we arrive at the fork Nuvolao where the climbs are pretty much over. The descent crosses the southern side of 'Averau, now in dir west, then points to' clear grassy ridge; In wp T (q.2205) begins its descent on the west side (always CAI 441) steep in places that require some foot steps and ends at q. On SR 1810 (Cernadoi-Falzarego). It dates back to a few hundred meters then take the descent to Malga Castle. Arrived at the Castle Andraz (Buchenstein) descend immediately to a trail that runs along the valley floor along the river. Found the SR in the hairpin of q. 1627, after 500 m (in front of the rest. "La Baita") if you leave it on trails that border on a sports field and camping Cernadoi. (Col di Lana). Across the SR 2 times it gets, with a final stretch of street lower, at the center of the village Andraz. Now take the small road on a slight slope, remaining under the SR, this else join in loc. Collation. The route instead of the leaves in the wp Y q. 1320 for a steep and sometimes rough going down to the valley floor. Here it widens and improves the bottom, we are now in the vicinity of the arrival of Pian de Salesei.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10525

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad