Monte Cucco - Liberi di Volare


  • 34.4 km

    Distance

  • 486 m

    Min height

  • 1561 m

    Max height

  • 1075 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Se amate la mtb nel vero senso della parola questo tour ne è l'essenza.
Al biker che lo percorrerà rimarrano indelebili nella mente 4 cose:
il meraviglioso sentiero 1 che collega Pian delle Macinare a Val di Ranco;
la dura conquista dell'imponente vetta con i grandiosi panorami che si aprono tutt'intorno;
l'aerea discesa per la cresta Nord integrale (grazie al nuovo sent. 2b) fino a Pian delle Macinare;
il mitico Schioppo, single track finale di 6.5 km da percorrere "a sfoaaa".
Insomma, oltre 10 km di discesa da 1600 a 500 mt tutti d'un fiato, oltre un'ora di fuoco!
Se a tutto ciò aggiungiamo che il percorso si svolge quasi interamente su single track, in uno dei parchi regionali più integri della nostra Umbria, l'appellativo MUST è d'obbligo.

Ma veniamo alla partenza: da Costacciaro saliamo verso Costa San Savino e da qui al fantastico Pian delle Macinare attraverso lo stupendo bosco della Fravolosa.
Pian delle Macinare è un'ampia e scintillante dolina calcarea stretta tra monte Cucco e Col d'Orlando.
Qui è stato da poco restaurato un rifugio con servizi che può fungere come ottimo punto d'appoggio per innumerevoli escursioni nella zona.
Da Pian delle Macinare prendiamo sulla destra il sentiero N° 1: cinque emozionanti km in sali e scendi immersi nei boschi fatati che credevamo esistere solamente nelle fiabe che ci raccontavano da bambini. Il bosco della Fida e la Madre dei faggi sono ancora oggi il regno del lupo, del gatto selvatico, del gufo reale, della martora e di altre specie animali e floristiche importanti, testimonianza dell'alta valenza naturalistica dell'area.
Avvolti in un ambiente così magico, arriviamo in Val di Ranco, dove il rifugio da Tobia può rimpinguare le energie spese fin quà (da provare la famosa crescia erba e salsicce!).
Abbiamo percorso 800 mt di dislivello in 15 km: ci rimangono 550 mt di salita, ma se guardiamo sopra di noi, l'imponente vetta del Cucco ci ammonisce che per conquistarla dovremo sudare!
Dal rifugio prendiamo la strada che in mezzo alle case sale verso i panoramici prati di monte Culumeo e da qui verso il Testagrossa (visibili i ripetitori tv).
Poco oltre seguiamo la strada asfaltata in salita che in breve ci porta al decollo sud dei deltaplani: attraversiamo un'ampia radura erbosa e una carrareccia abbastanza ripida ci attende..solo i più allenati potranno rimanere in sella fino al bivio con i sentieri 14-15 !
Lasciamo la carrareccia (dritti si raggiungerebbe la grande Grotta che solca per 32 km l'intera montagna!) per prendere a sinistra il sentiero 14 di cresta che in circa 1,5 km ci fà superare 300 mt di dislivello: inutile dire che questo è un tratto durissimo da percorrere a spinta, le cui fatiche saranno però ricompensate dai bellissimi panorami e dal vero senso di "wild" che la montagna esprime.
Un consiglio: visto che quassù il vento può rappresentare una pericolosa incognita, in caso di forti raffiche potrete decidere di prendere il sentiero 15 che lascia il 14 sulla destra, e in piano aggira la montagna da Ovest (vi ricongiugerete all'itinerario descritto proprio all'inizio della Valrachena).
Ma qui siamo sulla sommità del Cucco, si inizia a scendere per il fantasmagorico sentiero 2......siamo LIBERI DI VOLARE!!!
Prima un'aerea cresta affilata, poi tanti tornantini e ancora un traverso che a 1300 taglia tutto il lato nord della montagna piegando verso ovest.
Giunti all'imbocco della Valrachena, risaliamo leggermente per andare a prendere il nuovissimo sentiero 2b: giù per la cresta che guarda Costacciaro per sassi, pietraie, prati e infine zig-zag nella faggeta...un bijoux di impareggiabile bellezza!
Giunti a Pian delle Macinare prendiamo a sinistra e lasciamo il bivio per Costacciaro a destra arrivando in breve a Punta Sasso Pecoraro.
Qui prendiamo il mitico Schioppo, single track finale di 6.5 km da fare a tutta, ma con attenzione...oltre 40 tornantini e tratti guidati dove le sportellate si sprecano..!!!

Giunti a Costacciaro sembrerà di essere scesi dall'aereo...ma senza scaletta...provare per credere!

Questo giro costituisce la U del rum, concentrato di 3 tra i più bei percorsi di Romagna, Umbria e Marche...trittico compiuto con grandi amici il 6-7-8 maggio 2011

-I fotoalbum-

Bike in Umbria su facebook:


Tottero gallery su picasa:


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/4081


If you like the bike in the true sense of the word this tour is its essence.
Al biker who will travel will remain indelible in the mind 4 things: 1
the wonderful path that connects Pian delle Grind in Val di Ranco; < br> The last conquest of the imposing summit with magnificent views open around;
the air down to the northern ridge integral (thanks to the new sent. 2b) up to Pian delle Grind;
the Schioppo mythical, single track final 6.5 km to go "to sfoaaa."
In short, over 10 km of descent from 1600 to 500 mt all in one go, over an hour of fire!
If at all this we add that the event takes place almost entirely on single track, in one of the most intact of our regional parks Umbria, the name MUST is a must.
But let's start: from Costacciaro climb towards Costa San Savino and from there to the fantastic Pian delle Grind through the beautiful woods of Fravolosa.
Pian delle Grind is wide and glistening limestone sinkhole close between Monte Cucco and Col d'Orlando.
Here was a recently restored shelter facilities that can serve as an excellent starting point for many excursions in the area.
Da Pian delle Grind take the right path # 1: Five exciting km up and down in the woods believed that fairies exist only in fairy tales that they told us as children. The forest of Fida and the Mother of the beeches are still the realm of the wolf, the wild cat, the owl, marten and other species of flora and fauna important testimony of the high natural value of the area.
Wrapped in an environment so magical, we arrive in Val di Ranco, where the shelter by Tobia can replenish the energy spent this far (try the famous crescia grass and sausages).
We covered 800 meters in altitude at 15 km: there remaining 550 meters of ascent, but if we look above us, the imposing peak of Cucco warns us that we will have to sweat to win!
From the refuge we take the road through the houses rises to the scenic meadows and mountain Culumeo here towards the Testagrossa (visible repeaters tv).
little further we follow the road uphill and soon brings us to the south of the hang gliders take off: cross wide grassy clearing and a fairly steep dirt track there attende..solo the fittest will remain in the seat until the junction with the trails 14-15!
leave the cart (straight you reach the large cave that runs through the entire mountain for 32 km!) to take the left path of the ridge 14 in about 1.5 km makes us exceed 300 meters in altitude: needless to say that this is a trait hard to go to push, whose efforts will be rewarded, however, by the beautiful landscapes and the true meaning of "wild" that expresses the mountain. < br> A suggestion: since the wind up here can be a dangerous unknown, in the case of strong gusts can decide to take the path 15 that leaves 14 on the right, and plan around the mountain from the west (vi ricongiugerete route described the very beginning of Valrachena).
But here we are on top of the Cucco, you start to go down the path phantasmagoric 2 ...... we are FREE TO FLY !!!
Before an aerial sharp ridge , then many hairpins and even a cross that 1300 cuts across the north side of the mountain veering west.
reaching the mouth of the Valrachena, go up slightly to pick up the new path 2b: down the ridge that looks Costacciaro for stones, rocks, meadows and then zig-zag in the beech wood ... a jewel of incomparable beauty!
Once in Pian delle Grind take a left and leave the right fork for Costacciaro arriving shortly to Punta Sasso Pecoraro. < br> Here we take the legendary Schioppo, single track final 6.5 miles to do it all, but carefully ... more than 40 hairpin bends and stretches where he led the sportellate are wasted .. !!!
Once in Costacciaro seem to be off the plane ... but no ladder ... try it!
This tour is the U of rum, a concentrate of 3 of the most beautiful courses in Romagna, Umbria and Marche .. .trittico made great friends with the 6-7-8 May 2011
-I fotoalbum-
Bike in Umbria on facebook:
Thopter gallery on picasa:


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/4081

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad