Monte Molinatico


  • 26 km

    Distance

  • 470 m

    Min height

  • 1453 m

    Max height

  • 983 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


L’itinerario inizia da Grondola, una piccola località Appenninica ricca di curiosità quali: La prima Piazza Della Repubblica censita in Italia, una dominante Torre Castello, un monumento agli sportivi che raffigura “due” ciclisti.

Il percorso è da effettuare in senso orario. Da Grondola, proseguiamo verso il Passo per poche decine di metri quindi, abbandoniamo la provinciale n°39 ed imbocchiamo una strada sulla Sx dove una targa indica “Curva della Pace”, cosi intitolata per il passaggio del Giro D’Italia. Scesi a varcare il torrente Verdesina, dove a monte del ponte potrete ammirare un bell’ esemplare di faggio secolare censito dalla regione Toscana, si risale sulla costa opposta, giungendo in breve ad un bivio dove teniamo la Dx sempre in salita. Mantenendo la strada principale, scartiamo in successione i bivi per Guinadi, Cervara, Fontana Gilente, San Lorenzo, pervenendo a Pian di Valle dove la strada diviene sterrata e con fondo ben battuto ci porta ad attraversare la Foresta Demaniale del Bratello giungendo con l’ultimo tratto in discesa al Passo del Bratello (bar-ristoro-acqua) dove rincontriamo la strada provinciale.
Attraversiamo perpendicolarmente la strada ed imbocchiamo proprio di fronte a noi la stradina che sale a pendenza elevata. Inizialmente su asfalto, la stradina diverrà sterrata, mantenendo una pendenza considerevole, fino ad uscire su una zona erbosa dove la pendenza si attenua, affrontando ora alcuni panoramici mangia e bevi (sali e scendi) in direzione del Molinatico, ben riconoscibile dall’antenna sulla cima. A circa 1 km dalla cima, (deturpata dalle antenne ma che vi consigliamo comunque di salire per la pregevole vista che si ha sulla Toscana, l’Emilia e la Liguria) abbandoniamo la sterrata principale ed imbocchiamo a Dx una sterrata minore, riconoscibile dalle indicazioni “Sentiero CAI 00”, e dalle tracce lasciate dalle Jeep.
Salutato in breve il sentiero 00, che piega nettamente a Sx, proseguiamo diritti e raggiunta una inaspettata ma corta salita, prima tra faggi e quindi su sentiero, usciamo sulla cima del M.te Giogallo da cui possiamo godere di un’ altro magnifico panorama.
Seguiamo la traccia principale che scende lungo il prato sul fianco Nord-Est del Monte e superato un tratto malmesso, usciamo su sterrata leggermente più ampia.
Prendiamo a Dx ed in breve perveniamo al Pian Della Faggiola, un altro bel posto per una sosta, con il Rifugio "Tozzi" nella faggetta ed intorno un bel pianoro erboso.
Al bivio, seguiamo la sterrata che scende a Dx e mantenendo la principale perdiamo decisamente quota. Giunti nei pressi del M.te Borella, (a circa 2,5 km da Pian della Faggiola) staremo attenti a non perdere il bivio sulla Dx, indicato con un seminascosto segnavia in legno riportante “Grondola” che ci fa scendere il fianco ovest del M.te Ballo del Lupo, fino a raggiungere il punto di partenza.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/2810


The route starts from Grondola, a small town full of curiosity Appenninica such as: The first census Piazza Della Repubblica in Italy, a dominant Tower Castle, a monument to the sport that depicts "two" cyclists.
The path is to be carried in a clockwise direction. From Grondola, continue towards the Passo for a few meters then, we abandon the province n ° 39 and take a road on the Left where a plaque marks "Curve of Peace", so called for the passage of the Tour of Italy. I went down to cross the creek Verdesina, where upstream of the bridge you can see a bell 'specimen of old beech tree census by Tuscany, climb on the opposite coast, arriving shortly at a crossroads where we keep the Dx always uphill. Keeping the main road, we discard the forks in succession to Guinadi, Cervara, Gilente Fontana, San Lorenzo, reaching Pian di Valle where the road becomes a dirt road and the bottom well beaten us cross the State Forest Bratello of reaching the last downhill section at Passo del Bratello (bar-dining-water) where meet again the road.
perpendicular cross the street and right in front of us we take the road that goes to high slope. Initially on asphalt, the road becomes dirt, keeping a considerable slope, until you come out on a grassy area where the slope is gentler, now facing some scenic eat and drink (up and down) in the direction of Molinatico, easily recognizable by the antenna on the top. About 1 km from the summit (defaced by the antennas but we still recommend that you go up to the remarkable views you have about Tuscany, Emilia and Liguria) we leave the main dirt road and we take a dirt road right-hand lower, recognizable by the indications "Path CAI 00", and the traces left by the Jeep.
Hailed in the short path 00, which bends sharply to Sx, continue straight and reached an unexpected but short climb, first through beech and then on the path, we come out on top of Mount Giogallo from which we can enjoy a 'more magnificent panorama.
We follow the main trail that descends along the grass on the side of the North-East of Mount and passed a rundown section, we go out on the dirt slightly wider.
Take a Right and soon we arrive at Pian Della Faggiola, another nice place to stop, with the Refuge "Tozzi" faggetta in and around a beautiful grassy plain.
At the fork, follow the dirt road that goes down to Dx and keeping the main definitely lose altitude. Joints near the Mt Borella, (about 2.5 km from the Pian Faggiola) we will be careful not to miss the turnoff on your right, shown with a hidden wooden signpost showing "Grondola" that makes us go down the west side of the Mt Ballo del Lupo, until you reach the starting point.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/2810

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad