Cima Oro


  • 36.4 km

    Distance

  • 68 m

    Min height

  • 1773 m

    Max height

  • 1704 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


L'itinerario propone una interessante traversata da Riva del Garda alla Valle di Ledro con una deviazione in quota (eventualmente tralasciabile) per raggiungere Cima Oro a quota 1802.
La partenza è da Riva del Garda (la traccia in realtà parte dalla frazione di Varone) e raggiunge, con qualche scorciatoia che permette di evitare il noioso asfalto, la frazione di Campi. Arrivati all'abitato seguire le indicazioni per la frazione Righi, fare scorta d'acqua alla fontana, e prima della chiesa di San Rocco imboccare la strada prima asfaltata e poi sterrata che sale a destra. Da qua inizia la lunga forestale che attraverso la Val Mera porta fino in località Campigolo, località che viene raggiunta tutta in sella fino alla quota di 1650 metri. Attualmente la strada è sistemata fino a quota 1100 circa, la seconda parte invece è una mulattiera dove una corsia è scavata dall'acqua e l'altra è solitamente ricoperta di foglie (attenzione quando è bagnato). Qui è possibile raggiungere Cima Oro risalendo il sentiero che ripidamente guadagna il crinale alla nostra sinistra, con circa un quarto d'ora di bici a spinta. La deviazione si può tranquillamente evitare, dato che si ripercorre poi il sentiero in cresta per tornare allo scollinamento, ma se la giornata è tersa vale veramente la pena di faticare un po' di più per poter godere dei panorami ammirabili dalla cima. I più dotati di manico possono inoltre divertirsi ed affrontare il trail (attenzione a qualche tratto esposto) come aperitivo alla lunga discesa che ci attende.
Ritornati al bivio col sentiero 413 si prosegue ora in piano per qualche centinaio di metri sino alla Bocca di Dromaè, da dove parte il single track (prima poco evidente nel prato, poi più marcato) che ci porta prima a Malga Dromaè e poi ai fienili di Dromaè. Attenzione ad un ripidone al margine del prato (la traccia lo aggira) prima dell'ingresso nel bosco.
Inizia ora un sentiero mai troppo difficile ma dal fondo sempre molto smosso e con tratti coperti da foglie che rapidamente ci porta fino alla strada forestale che sale da Mezzolago. Arrivati alla strada attraversarla per imboccare la continuazione del sentiero che riprende ora con difficoltà minore ma sempre con fondo smosso sino a raggiungere la successiva strada forestale. Dopo poco è opportuno lasciarla imboccando il sentiero che scende parallelo ad essa sulla sinistra fino a raggiungere la strada asfaltata della frazione di Mezzolago.
Si raggiunge poi Molina e successivamente la frazione di Legos per continuare la discesa su un interessante sentiero che si collega alla strada del Ponale in località Prè. Qualche chilometro ora di facile discesa sino a raggiungere l'ultimo tratto tecnico che ci porta direttamente sulla vecchia strada per Pregasina e sul sentiero Giacomo Cis per raggiungere Riva del Garda.
Per affrontare l'itinerario è consigliata una trail-bike full suspended in modo da poter affrontare agevolmente l'ultimo tratto di mulattiera in salita per raggiungere Campigolo.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/2506


The route offers an interesting passage from Riva del Garda to Valle di Ledro with a detour in proportion (if any tralasciabile) to reach Cima Gold at an altitude of 1802
The departure is from Riva del Garda (the track actually starts from the hamlet Varone) and reaches, with some shortcut that avoids the tedious asphalt, the fraction of fields. Arriving in town follow the signs for the hamlet Righi, stock up on water from the fountain, and before the church of San Rocco, take the first paved road and then a dirt road that climbs to the right. From here begins the long forest that leads through the Val Mera Campigolo up in town, a place that is reached in all saddle up to an altitude of 1650 meters. Currently the road is placed to a height of about 1100, the second part is a trail where one lane is dug out of the water and the other is usually covered with leaves (be careful when it is wet). Here you can get Top Gold going up the trail steeply gains the ridge to our left, with about a quarter of an hour hintsPushing. The deviation can be easily avoided, since it is then retraces the path to return to the brow ridge, but if the weather is crisp really worth it to sweat a bit 'more admirable to be able to enjoy the views from the top. The most gifted of the handle can also have fun and tackle the trail (beware of some exposed stretches) as an aperitif to the long descent ahead of us.
Returning to the junction with trail 413 is now continuing in the plan for a few hundred meters until the Mouth of Dromaè, from where the single track (first evident in the little lawn, then more pronounced) that leads us first to Malga Dromaè and then to the barns Dromaè. Attention to a ripidone the edge of the lawn (the track around it) before entering the woods.
Start now a path never too hard but always very moved by the fund and whether covered by leaves that quickly leads us to the road forest that rises from Mezzolago. Arriving at the road across it and take the continuation of the path that takes time with less difficulty, but always with loose surfaces to reach the next forest road. After a while it is appropriate to leave taking the path that goes parallel to it on the left until you reach the paved road of the village of Mezzolago.
We then reach Molina and then the fraction of Legos to continue the descent on an interesting path that connects the Ponale road in town Pré. A few miles now easy downhill until you reach the last stretch technical leads us directly to the old road to Pregasina Giacomo Cis and on the path to reach Riva del Garda.
To address the recommended route is a trail-bike full suspension so you can easily tackle the last stretch of trail uphill to reach Campigolo.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/2506

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad