Tour del Mottarone


  • 46.6 km

    Distance

  • 166 m

    Min height

  • 1473 m

    Max height

  • 1306 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Dal parcheggio, splendido punto di partenza, si va sulla strada statale, la si attraversa e seguendo inizialmente dei cartellini indicativi, si sale su asfalto fino a Someraro. (qualche tratto è impegnativo). Si abbandona in questa località il tratto asfaltato e transitando obbligatoriamente su di un ponticello si continua a salire lungo una mulattiera impegnativa e dura, poi lungo un tracciato più agevole e meno faticoso si arriva in località (Tredici betulle), lungo uno sterrato molto più agevole e con pendenza moderata. Di seguito, breve tratto dove si deve accompagnare la bike e quindi si arriva all’Alpe Giardino. Proseguendo si arriva sulla strada asfaltata, nei pressi di un casello abbandonato. (Da qui arrivava e proseguiva in passato, un trenino, che, lungo un largo sentiero ancora evidente, saliva fino nei pressi della cima. Da questo punto, si sale ora lungo la strada asfaltata fino al termine della stessa, oppure giunti quasi al culmine, voltare a destra e raggiunge la cima del Mottarone passando nelle vicinanze dell’arrivo della funivia. Ottimo il panorama dalla cima. Ora dalla cima si riscende verso valle, inizialmente lungo un breve tratto sterrato, per poi rientrare su asfalto ma solo per un breve tratto, a questo punto, si abbandona la strada asfaltata (voltare a destra) e si inizia un divertente e panoramico traverso che ci conduce attraverso splendidi passaggi nel bosco all’Alpe della Volpe e di seguito dopo una breve salita su ampia e spoglia dorsale prativa ad osservare un panorama su quattro laghi (Lago Maggiore – Varese – Monate – Comabbio, poi ripresa la discesa, si arriva nelle vicinanze di Gignese. Si ritorna per un breve tratto su asfalto per poi riprendere con una (deviazione a sinistra), a salire con alcuni tornanti verso un altopiano e riprendere poi a scendere, (deviazione a destra) verso Brovello con un passaggio di single track. Si passa nel mezzo del paese di Brovello e all’uscita del paese, si imbocca alla sinistra, (poco evidente) un sentiero che scende al torrente, si passa su un vecchio ponte romano e si risale verso Graglia Piana e lungo un sentiero pianeggiante si arriva a Carpugnino. Si va ora verso il rondò che indirizza in autostrada, e ora seguire le indicazione per Stropino e Magognino, per poi deviare verso Calogna e rientrare nel bosco di castani e riprendere la lunga discesa verso Stresa passando dalla piccola e suggestiva chiesetta si S. Paolo immersa nel bosco. (In questo tratto fare affidamento alla traccia gpx.) E’ così complesso il tracciato, che questa volta, mi risulta difficile dare indicazioni precise e molto dettagliate, quindi il mio consiglio è quello di intraprenderlo questo itinerario, solo con persone che conoscono il percorso o diversamente fare affidamento alla traccia gps o gpx allegata a questa relazione, e mi scuso per questa relazione è incompleta e in qualche caso poco chiara. Ad ogni modo è un tracciato che consiglio. Ad una lunga salita a tratti molto impegnativa, di riscontro si affronta poi una discesa senza fine, con continui cambi di direzione e con un susseguirsi di svariati passaggi diversi e mai monotoni, senza mai trovarsi in grosse difficoltà tecniche, ma sempre con la possibilità di pedalare e lasciare scorrere la bike sul terreno a proprio piacere e puro divertimento.


http://www.gps-tour.info/en/tracks/detail.40675.html


From the parking lot, wonderful starting point, you go on the main road, cross it and follow the tags initially indicative, climb on asphalt until Someraro. (Some stretch is challenging). You leave the asphalt road in the town and passing over a bridge must continue to climb along a trail challenging and hard, then along a path easier and less tiring you arrive in resort (Thirteen birch), along a dirt road much smoother and moderately steep. Below, a short stretch where you must accompany the bike and then you get to & rsquo; Alpe Garden. Continuing to get on the road, near the abandoned. (From here came and went in the past, a small train, which, along a wide path still evident, climbed up near the top. From this point, go up along the road now until the end of the same, or almost reached the peak , turn right and reach the top of Mottarone passing in the vicinity of & rsquo; arrival of the cable car. Excellent view from the top. now from the top you descend to the valley, initially along a short stretch of dirt road, and then back on asphalt but only for a short Suddenly, at this point, leave the paved road (turn right) and you get a fun and scenic cross that leads us through beautiful passages in the woods & Outdoors; Alpe della Volpe and below after a short climb on a large, bare ridge meadows to comply with a panorama of four lakes (Lake Maggiore & ndash; Varese & ndash; Monate & ndash; Comabbio, then resumed the descent, we arrive near Gignese. You return to a short stretch of asphalt and then return with a (deviation to the left) , to come up with a few bends toward a plateau and then resume to fall, (turning right) to Brovello with a passage of single track. It passes in the middle of the country of Brovello and all & rsquo; exit of the village, take the left (barely noticeable) a path down to the creek, passing on an old Roman bridge and climb towards Graglia Piana and along a flat path is arrives at Carpugnino. It now goes to the roundabout which directs the highway, and now follow the signs to Stropino and Magognino, then veer towards Calogna and fall under the chestnut trees and regain the long descent towards Stresa passing from the small, picturesque church is St. Paul immersed in the woods. (In this section rely on the gpx track.) It & rsquo; so complex the path, this time, I find it difficult to give precise and very detailed, so my advice is to undertake it this route, only people who know the path or otherwise rely on the track gps gpx or attached to this report , and I apologize for this report is incomplete and in some cases unclear. However, it is a path that I would recommend. For a long climb at times very challenging, feedback is then faces an endless descent, with constant changes of direction and with a succession of several different steps and never dull, never encounter serious technical difficulties, but always with the possibility of pedal and let the bike slide on the ground at their own pleasure and fun.


http://www.gps-tour.info/en/tracks/detail.40675.html

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad