Giro del Col Rosà


  • 25.4 km

    Distance

  • 1215 m

    Min height

  • 1772 m

    Max height

  • 557 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Ulteriori informazioni a.

Raggiungibile tramite uno spettacolare sentiero a mezza costa, l’isolato corno roccioso del Col Rosà rappresenta una delle mete più attraenti dell’intera conca d’Ampezzo: il giro completo della cima è ricco infatti di suggestivi scorci tra gole selvagge, valli incastonate tra le rocce e grandi cascate.

L’itinerario ha inizio dallo stadio del ghiaccio di Cortina, da dove risale verso Cadelverzo e Cadin prima di immettersi sul bel sentiero 417 con il quale si giunge all’imbocco della salita al Lago Ghedina. L’ascesa, asfaltata nella prima parte, continua poi a medie pendenze su sterrato fino alle Crepe de Cianderou, una conformazione rocciosa affacciata sulla Valle del Boite.

Il percorso continua ora sul segnavia 409 fino al Passo Posporcora, arrivando ai piedi del Col Rosà con un lungo traverso panoramico: nonostante alcuni punti esposti, le meravigliose vedute su Cristallo, Pomagagnon e Croda Rossa d’Ampezzo fanno di questo passaggio uno dei più suggestivi di tutto il comprensorio.

Nella successiva ripida e difficile mulattiera verso la Valle di Fanes si consiglia di procedere con attenzione e cautela (anche a piedi se necessario) a causa del fondo sconnesso e delle profonde canalette di scolo. L'impegnativa discesa si snoda in un ambiente isolato e a tratti selvaggio fino al canyon del Ponte dei Cadoris, proseguendo poi molto più facile verso le bellissime Cascate di Fanes che possono essere visitate (a piedi) con una breve e facile deviazione sul sentiero attrezzato.

Raggiunto il Pian de Loa la discesa può considerarsi conclusa: da qui l’itinerario rientra verso Cortina prima sui veloci sterrati del Pian de Ra Spines, quindi sulla comoda ciclabile che segue il tracciato della vecchia ferrovia.

Punto di partenza: Cortina d'Ampezzo, via A.Bonacossa, Stadio Olimpico del Ghiaccio.

Copyright © Stefano De Marchi
Tutti gli itinerari contrassegnati TMB sono disponibili al sito.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10021


More information.
Reached via a spectacular trail halfway up the block horn rocky Col Rosa is one of the most attractive destinations in the entire basin d'Ampezzo: a complete tour of the top is rich indeed picturesque spots among the wild gorges, valleys nestled between the rocks and large waterfalls.
The itinerary starts from the ice rink in Cortina, where it dates back to Cadelverzo and Cadin before entering the beautiful path 417 with which you reach the entrance of the climb to Lake Ghedina. The rise, the asphalt in the first part, then continues to medium slopes on Crepe de Cianderou dirt road to a rocky structure overlooking the Valle del Boite.
The path now continues on path 409 to Step Posporcora, arriving at the foot of the Col Rosa with a long traverse panoramic despite some exposed spots, the beautiful views of Crystal, Pomagagnon and Croda Rossa d'Ampezzo make this transition one of the most picturesque in the entire district.
In the next steep and difficult trail to the Valley of Fanes you should proceed with care and caution (even on foot if necessary) due to the uneven surface and deep drainage channels. The challenging downhill runs in an isolated environment and at times wild canyon up to the Bridge of Cadoris, continuing much easier to the beautiful Fanes waterfalls that can be viewed (in feet) with a quick and easy detour on the trail equipped.
reached the Pian de Loa descent is considered ended, hence the route to Cortina falls first on the fast gravel roads of Pian de Ra Spines, so comfortable on the bike path that follows the route of the old railway.

Starting point: Cortina d'Ampezzo, via A.Bonacossa, the Olympic Ice Stadium.
Copyright © Stefano De Marchi
All routes marked TMB are available at the site.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10021

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad