Adda


  • 75.3 km

    Distance

  • 131 m

    Min height

  • 231 m

    Max height

  • 99 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Breve tratto sulla statale SS 36, lungo il marciapiede, restando sulla sinistra della strada ed in breve si accede alla pista ciclabile che corre lungo la sponda del Lago di Garlate. Alla fine del lago, si passa al fianco delle chiuse di Olginate e con logica lungo la pista ciclabile e il Lago di Olginate, si prosegue verso Brivio. Giunti a Brivio, arrivati sotto il ponte, sulla destra si accede alla scalinata che consente di salire sul ponte e di passare sulla sponda opposta. Alla rotonda, si piega alla destra e per un breve tratto si resta sulla strada principale, fino alla prima e logica possibilità di piegare verso il fiume. Si oltrepassa una sbarra che impedisce l’accesso alle auto, e lungo un largo sterrato senza mai abbandonarlo si passa per i prati coltivati e da alcune cascine e in breve si arriva al sentiero che conduce all’Osservatorio sul fiume. Non prendere per l’osservatorio, ma proseguire dritti. Lungo un divertentissimo sentiero ondulato che costeggia il fiume, si arriva a Imbersago. Si attraversa nuovamente il fiume sul traghetto, e seguendo il corso discendente del fiume si prosegue verso Paderno. Si passa sotto la grande campata del ponte e di seguito si passa al fianco delle centrali idroelettriche stile Liberty di Bertini ed Esterle per poi arrivare a Trezzo d’Adda. Non si sale al paese, ma passando al lato della centrale e seguendo sempre il corso del fiume, si arriva sotto le campate dell’autostrada e dopo essere passati sotto, si arriva al bivio per Crespi e Canonica. (alle volte, l’attraversamento di queste campate sono vietate per lavori di manutenzione) in questo caso, un poco prima delle stesse, si accede con una rampa sterrata al sovrastante paese. In alto, in paese, si prende la seconda strada a sinistra per il passaggio sopra l’autostrada, subito dopo, si imbocca una strada con divieto di accesso e poi subito a sinistra ancora, si accede alla breve discesa con scalinata sulla destra che porta d’avanti al ponticello sul fiume per Crespi e Canonica.
Di seguito le due possibilità alternative.
La prima.
Prosecuzione ancora fino a Canonica. In questo caso, seguendo il corso del canale sulla sinistra e in parte l’Adda sulla destra, si arriva a Canonica. Sosta per poi iniziare il rientro.
La seconda.
Se si vuole evitare il prolungamento e visitare il paese di Crespi.
Se la prima proposta, la considero alternativa, questa seconda, a mio avviso è assolutamente da prendere in considerazione. Attraversato il ponticello, si accede al paese dopo una brevissima e lieve salita lungo un viale alberato. Il paese, in stile fine ottocento, evidenzia la magnificenza e la grazia di una concezione di vita lavorativa e riconoscente, fuori dal comune. Sensazioni ed emozioni che provi, lungo il viale della vita, in un silenzio irreale e riflessivo, dove, un tempo era l’arteria principale che dava i tempi e ritmi di lavoro, il passare delle ore, dei giorni, del tempo che scorre ora e sempre inesorabile per tutti noi.
Lasciato questo luogo magico, il rientro è lungo lo stesso tracciato con la sola variazione giunti a Imbersago.
Non si attraversa più il fiume, ma lungo il suo sinuoso percorso si rientra prima a Brivo e di seguito al punto di partenza.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/1398


Short section on the SS 36, along the sidewalk, staying on the left side of the road and soon leads to the bike path that runs along the shore of Lake Garlate. At the end of the lake, passing alongside the closed Olginate and logic along the bike path and Lake Olginate, continue to Brivio. Once in Brivio, arrived under the bridge, on the right leads to the staircase that allows you to get on the bridge and switch on the opposite bank. At the roundabout, turn to the right and a short section of it remains on the main road, up to the first logic and ability to bend toward the river. We pass a barrier that prevents access to the car, and along a wide dirt road without ever abandoning it passes through meadows and cultivated by some farms and in short you get to the path that leads to the Observatory on the river. Do not take to the observatory, but continue straight. Along a fun wavy path that runs along the river, you get to Imbersago. It crosses the river on the ferry again, and following the downward course of the river continues to Paderno. You will pass under the large span of the bridge and below you switch on the side of hydroelectric Art Nouveau Bertini Esterle and then get to Trezzo d'Adda. Do not go up to the town, but passing to the side of the control panel and always following the course of the river, you will come under the spans and after passing under the motorway, you will arrive at the fork to Crespi and Canonica. (At times, the crossing of these bays are prohibited for maintenance) in this case, a little before them, is accessed by a dirt ramp to the overlying country. High up in the village, take the second road on the left for the passage over the highway, right after you take a road with no entry sign, then left again, leads to the short descent with staircase on the right that leads forward of the bridge on the river to Crespi and Canonica.
following the two alternative possibilities.
before.
Continue again until Canonica. In this case, following the course of the channel on the left and on the right part of the Adda, you get to Canonica. Stop and then start the return.
Second.
If you want to avoid the extension and visit the village of Crespi.
If the first proposal, consider the alternative, the latter, in my opinion is a must consider. After crossing the bridge, you enter the country after a brief and slightly uphill along a tree-lined avenue. The country, in the late nineteenth century style, highlights the magnificence and grace of a conception of working life and grateful, out of the ordinary. Feelings and emotions you feel, along the path of life, in an eerie silence and thoughtful, which was once the main artery that gave the timing and pace of work, the passing of the hours, the days, the time that passes now inexorable and always for all of us.
Leaving this magical place, the return is along the same path with the only variation came to Imbersago. How does one crosses over the river, but along its winding path before you fall in Brivo and below the point of departure.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/1398

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad