Passo di Sassello


  • 18.1 km

    Distance

  • 1019 m

    Min height

  • 2292 m

    Max height

  • 1273 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description


Dura salita con portage/spinta nel finale. Gran bella discesa, seppur a tratti difficile.

Salita dura su piste d'alpeggio sempre esigenti per pendenze alte, ma fondo in terra battuta / erba molto buono, qualche metro di asfalto ma insignificanti. Tra Pian Taioi e l'alpeggio sotto al lago di Prato ho trovato resti di slavine con alberi di traverso che appiedano ma si passa senza difficoltà in questo tratto la pista, spesso molto ripida, ha un fondo con blocchetti di cemento ai lati e sterrato in mezzo. Dopo Cascina di Lago la ciclabilità si fa solo parziale, ovvero tratti in sella e tratti giù, mano a mano che ci si avvicina al passo conviene spingere e basta.

Discesa molto bella, tuttavia la tantissima neve ancora presente mi impedisce di dare una valutazione oggettiva di parte della discesa dal passo: la parte priva di neve era molto divertente. Dal lago di Prato a quello della Valletta c'è inizialmente un saliscendi solo parzialmente ciclabile, che diventa discesa molto divertente appena aggirato il Motto del Toro e in vista del lago della Valletta. Qualche colpo di pedale su facile pista porta al bel Rifugio Garzonera, da qui si scende decisi su sentiero tecnico, lento guidato molto appagante senza eccessi da trialisti, seppur con qualche passo ostico che può appiedare (poco). Scendendo verso Giòf aumenta via via il flow, tuttavia il bosco è molto ripido, quindi occorre prestare molta attenzione: la cadute sono decisamente da evitare, ma il sentiero ha buon fondo e non è quasi mai ripido (a volte lo è).

Da Giòf ad Ambrì sono rimasto un po deluso: mi aspettavo un bel sentiero, invece recenti lavori hanno in parte sovrapposto una pista sterrata un po stretta e veloce, peccato, ma la parte alta merita.

Segnalo difficoltà con segnale GPS nel bosco sopra Giòf, con lievi difficoltà ad interpretare la traccia, tuttavia il sentiero è solo uno, seppur a volte si sdoppia in prossimità di diversi paravalanghe. La traccia allegata è quella che ho seguito io, scaricata daquella del mio GPS è purtroppo zoppa: causa batterie scariche (e dimenticanza di quelle di scorta) l'ho tenuto spento tra il Passo e il Rifugio Garzonera. La traccia da Giòf ad Ambrì segue il vecchio sentiero non più praticabile (almeno al momento), segnavia e cartelli portano ad usare la nuova pista sterrata, come mi sono rassegnato a fare io.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10178


Tough climb with portage/push in the final stretch. That was a great descent, albeit at times difficult.

Hard uphill on the slopes of alps is always demanding slopes high, but the bottom in the dirt / grass very good, a few meters of asphalt, but insignificant. Between Pian Taioi and the alp, under the lake of the Lawn I found the remains of landslides with trees across the way, that appiedano but there is no difficulty in this section of the track, often very steep, has a background with blocks of concrete to the sides and a dirt road in the middle. After a Farmhouse in the Lake, cycling is only partial, that is, stretches in the saddle and stretches down, as you get closer to the pace should push and just.

The descent is very beautiful, however, with lots of snow still present, prevents me from giving an objective assessment of part of the descent from the pass: the part free of snow was a lot of fun. From lake Lawn to that of the valley there is initially a latch only partially bike path, which becomes a drop-down lot of fun just bypassed the Motto of Taurus, and in the view of the lake of the valley. A few shots of the pedal on the easy track leads to the lovely Refuge Garzonera, from here you go down, I decided on the trail, technical, slow, driven very satisfying without excess trialisti, albeit with some step difficult that can appiedare (a little). Descending towards Giòf increases the flow, however, the forest is very steep, so you need to pay a lot of attention: the falls are definitely to be avoided, but the path has good bottom and is almost never steep (sometimes it is).

From Giòf to Ambrì I was a little disappointed: I was expecting a nice trail, however recent works have, in part, superimposed on a dirt track a little narrow and fast, too bad, but the top it deserves.

I point out difficulties with the GPS signal in the forest above Giòf, with slight difficulty to interpret the track, however the trail is only one, albeit sometimes splits in the vicinity of several mounds. The track attached is the one I used, downloaded daquella of my GPS is unfortunately lame: because batteries are drained (and the forgetfulness of those to spare), I held off between the Step and the Refuge Garzonera. The track from Giòf to Ambrì follows the old path no longer viable (at least at the moment), signs and signs lead to the use of the new dirt track, and as I resigned to do it myself.


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/10178

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page