Borneo Teramano IV


  • 45.6 km

    Distance

  • 388 m

    Min height

  • 1187 m

    Max height

  • 799 m

    Δ height

  • Road

  • Equip

  • Skill

  • Effort

Track Description



Giro piuttosto impegnativo di stampo prettamente enduristico. Dal bivio per Settecerri si raggiunge Valle Castellana e dopo aver costeggiato per un breve tratto il fiume Tevera svoltiamo a sx per l’abitato di Coronelle. La strada prosegue brecciata superando l’omonimo colle fino ad un crinale. Arrivati ad un incrocio giriamo a sx e dopo aver percorso qualche centinaio di metri su bitume, un muretto in pietra sulla sx segnala la disastrata via che porta al borgo fantasma di Vallepezzata passando dal Piano dei Morti. Scendiamo su vecchia pista piena zeppa di solchi scavati dalle acque ed attraversiamo il nucleo di Vallepezzata da Borea prima di avventurarci nel fossato. Ambiente in perfetto stile Tomb Rider, antichi ruderi ricoperti da vegetazione rigogliosa, resti di civiltà che furono, silenzio rotto solo dallo scorrere del torrente ed atmosfera unica. Superato per intero il fosso di Vallepezzata sfruttando una piacevole mulattiera ci portiamo presso l’abitato di Mattere. Usciti dal paese, nei pressi di un capanno svoltiamo a sx per un sentiero che velocemente ci riporta in Valle Tevera. Affrontiamo ora circa nove km di bitume, passando per le frazioni di Pervenisco e Vellenquina giungendo infine in prossimità di un ostello. Giriamo a sx per la carrareccia che porta alla Cordella. Appena la pista diviene terrosa si affronta un duro ma breve strappo in salita andando ad imboccare una pista a sx che si infila nel bosco. E’ la discesa che dal Colle della Croce, con bei passaggi su lastroni arenarici, porta al monte Pellino e, a sua volta, incrocia la pista per il casale Corvino. Dal casale si scende bruscamente nel Fosso di Corvino, il sentiero si mantiene a sx del torrente per poi attraversarlo più avanti. In prossimità del Mulino Troiani la traccia sale all’abitato di Olmeto. Ivi giunti prendiamo a dx e approdiamo velocemente all’abitato di Valzo. In corrispondenza dell’ultima casa, sulla sx parte un ripido sentiero da affrontare rigorosamente in portage che in circa duecento metri di dislivello s’innalza fin sul Monte Capitone. Dalla sommità del Capitone si segue a dx la pista di cresta che incrocia il sentiero 17b, una traccia leggendaria che si snoda prima sul crinale montuoso che separa la Valle Grande dal Fosso di Vallechiara per infine scivolare nell’ambiente “amazzonico” del Fosso del Pantano. Il sentiero intercetta sul finale la strada per Settecerri, la quale, percorrendola in discesa riporta al punto di partenza. Itinerario in ambiente molto isolato e selvaggio, non segnalato, ricco di insidie che si accentuano notevolmente in condizioni meteo avverse.

CINGHIALE 24/11/2014 Valle del Castellano (TE)


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/11330



Tour of mold typically quite challenging enduro. From the junction to Settecerri you reach Valle Castellana and after skirting the river for a short distance Tevera turn left to the village of Coronelle. The road continues past the homonymous hill with gravel up to a ridge. When you arrive at a junction turn left and after driving a few hundred meters of bitumen, a stone wall on the left indicates the disastrous path that leads to the ghost town of Vallepezzata passing by the Plan of the Dead. We go down on old track chock full of ruts dug by water and pass through the core of Vallepezzata from Boreas before venturing into the ditch. Environment-style Tomb Rider, ancient ruins covered with lush vegetation, the remains of civilizations that were, in silence broken only by the flow of the stream and unique atmosphere. Exceeded for the entire ditch Vallepezzata exploiting a pleasant trail we carry at the village of Mattere. Once out of the country, near a hut turn left on a path that quickly leads us back in the Valley Tevera. Let us now about nine kilometers of bitumen, passing through the villages of Pervenisco and Vellenquina finally getting close to a hostel. We turn to the left in the track that leads to Cordelia. As soon as the track becomes earthy you deal with a hard but short climb uphill going to take a trail on the left that can be slipped into the woods. And 'the descent from the Col de la Croix, with beautiful passages on slabs arenarici, leads to the mountain Pellino and, in turn, crosses the track to the house Corvino. From the house it drops sharply in the Fosso di Corvino, the trail keeps to the left, then cross the creek below. In the vicinity of the mill Trojans the track climbs to the village of Olmeto. Once there we turn right, we come quickly to the village of Valzo. At the last house on the left side a steep path to deal strictly in portage that in about two hundred meters in altitude rises up to Monte Capito. From the top of Capito you follow the trail to the right of the ridge that crosses the path 17b, a legendary track that runs before the mountain ridge that separates the valley from the Great Pit of Vallechiara to finally slip into the "Amazon" del Fosso del Pantano . The path intercepts on the way to the final Settecerri, which, following in the descent back to the starting point. Routing in a very isolated and wild, unmarked, full of pitfalls that are accentuated significantly in adverse weather conditions.
BOAR 24/11/2014 Valle del Castellano (TE)


http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/11330

Map/Elevation

Ad

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page

Ad